santagata1Non è facile comprendere cosa accade a Catania durante la festa di S.Agata. Le componenti di questa festa sono molteplici: la devozione autentica degli umili, la religione civica di una città con l’esibizione dei rappresentanti del potere che cercano di misurare la loro popolarità, il simbolismo dell’eterno femminino con i segni della femminilità fragile e violata (dove nell’immaginario popolare scompare persino il motivo vero del martirio), la volgarità e il fascino folcloristico delle candelore (le cui musichette sono più adatte a figure femminili ben diverse da quella di una martire vergine), l’esibizione della forza dei vari portatori, l’intreccio di losche scommesse nel sottobosco mafioso che coglie – in maniera parallela all’esibizione del potere civile – un’occasione per dar prova di sé.
La chiesa non riesce a controllare da parte sua che una parte soltanto dell’happening collettivo e cerca debolmente di inserirvi momenti veramente religiosi. Ma soprattutto la festa è il simbolo del degrado e delle contraddizioni della città stessa, incapace di far convergere tutte le sue energie in un progetto di convivenza ordinato.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>