rimbalza-il-clandestino

Almeno 70 eritrei morti di stenti dopo essere stati giorni e giorni in balia del mare senza che nessuno li soccorresse. I pochi sopravvissuti adesso rischiano l’incriminazione per immigrazione clandestina,  

… INTANTO, SUL SITO FACEBOOK  DELLA LEGA NORD

IMPAZZA IL GIOCO: 

“RIMBALZA IL CLANDESTINO”

 Come scrive M. Pasqua su Repubblica del 21 agosto  (ma è solo uno degli innumerevoli commenti all’indecente fatto): “L’applicazione, che ha anche una pagina di fan, è introdotta da poche righe di spiegazione: “L’obiettivo di questo gioco è mantenere il controllo dei clandestini che arrivano in Italia”. Su una schermata viene raffigurata la nostra penisola, insieme a delle boe e dei salvagenti. Ovviamente nessuno riceverà mai alcun salvagente, perché l’unico scopo del giocatore è quello di far sparire la barca apparsa all’improvviso, cliccandoci sopra con il mouse, da una fino a cinque volte. I punti che si ricevono per ogni imbarcazione colpita dipendono dalle sue dimensioni: uno per quelle più piccole, fino ad un massimo di cinque. Gli sbarchi avvengono lungo tutte le coste, anche quelle della Liguria. Una barra, in alto, tiene traccia delle imbarcazioni rimandate indietro: “Se la barra sarà al massimo – spiegano le istruzioni – vorrà dire che avrai dimostrato la tua bravura e potrai passare al prossimo livello”. Più si va avanti, e più i “nemici” da respingere si moltiplicano. Perde chi non riesce a far sparire abbastanza barconi. In questo caso si riceve il classico messaggio di “game over”, accompagnato da un invito a ritentare la fortuna: “Prova ancora. Vedrai che la prossima volta riuscirai a dimostrare di essere un vero leghista”.

La carità cristiana, il senso dell’ospitalità, oltre che l’intelligenza e il buonsenso e il buon gusto, sono morti: non fiori, ma opere di bene!

Si dispensa dalle visite.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>