RegioniQualità del welfare e costo del bilancio pubblico: la Ragioneria Generale dello Stato ha da poco pubblicato l’analisi della spesa statale regionalizzata. I dati si riferiscono al 2008 e da essi si ha la conferma che i cittadini delle varie regioni italiane, rispetto ai diritti e ai servizi pubblici essenziali (scuola, sanità, rifiuti e ambiente), godono di trattamenti e opportunità decisamente differenti.
In generale, sembra conveniente abitare in una regione a statuto speciale. Non bisogna, però, commettere l’errore di ritenere un più alto indice di spesa sinonimo di una migliore qualità del servizio erogato.
Per quanto riguarda l’istruzione, ad esempio, nel Sud al costo più elevato si accompagna un tasso di abbandono scolastico ancora preoccupante. Nella sanità in Sicilia si spendono 847 euro per abitante, a fronte di una spesa che in Lombardia non raggiunge i 600 euro. Che il diritto alla salute sia maggiormente tutelato nella nostra regione è tutto da dimostrare.

pagamenti stato sanità rifiuti spesa regionalizzata

Rispetto a una spesa media per abitante che a livello nazionale è di 29 euro per quanto riguarda rifiuti e ambiente, in Sicilia la media è di 42 euro. Purtroppo a tale maggiore impegno economico non corrispondono servizi e tutele adeguate, come dimostrano le continue emergenze che riguardano quasi tutto il territorio siciliano.

Tratto da Repubblica on line: Le venti Italie della spesa regionale di Luisa Grion

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>