foto Alberta Dionisi

Dal 27 al 30 luglio, in piazza Carlo Alberto a Catania, attorno ad un pallone si sono incontrate più di 9 squadre. Grandi e piccoli, uomini e donne, tante nazionalità.

Il torneo antirazzista a 5 (organizzato da Arci-Melquiades, C.p. Experia, Iqbal Masih, Gapa, Open Mind, Rete antirazzista catanese) è stato un’occasione per promuovere l’incontro e il riconoscimento delle diverse culture come ricchezza e non come motivo di paura e intolleranza. Un calcio giocato per strada, puro e senza confini, distante dalle logiche di mercato, ha permesso a decine di persone di passare momenti di aggregazione e scambio tra musica, partite e piatti locali.

Un modo nuovo di relazionarsi e di pensare ad una società senza le derive securitarie, le leggi razziali, i CIE (Centri di ideintificazione ed espulsione), i sequestri di merce e i controlli che rendono, da ormai troppo tempo, la vita invivibile a chi ha abbandonato il proprio paese nella speranza di un futuro migliore.
Sonia Giardina de I Cordai (GAPA)
Le squadre vincitrici del torneo:

PRIMO CLASSIFICATO: Rial Globbalizescion

SECONDO CLASSIFICATO: Pashtun Afghan

TORNEO FEMMINILE 1° posto: Antico Corso

TORNEO BAMBINI 1° posto: ProCarmine

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>