I siti che riportano la notizia ne parlano come del primo in Sicilia. Lo hanno costruito, senza contributi pubblici, in quel paradiso che è il parco fluviale delle Gole dell’Alcantara. Si tratta dell’ impianto di fitodepurazione naturale delle acque reflue civili di un’azienda agrituristica della zona. Ma cos’è un impianto di fitodepurazione, si chiederà qualcuno? In parte lo dice la parola stessa: é un processo di depurazione che avviene attraverso le piante. E’, cioè, un impianto, costruito dall’uomo, che riproduce processi di depurazione naturali, caratteristici delle zone umide e ottenuti dall’azione combinata di tre componenti, il suolo, la vegetazione e i microrganismi.

Essendo un sistema di depurazione secondario, necessita di un trattamento primario (fossa Imhoff o fossa settica). Le piante messe a dimora sul letto di fitodepurazione hanno la naturale capacità di trasportare l’ossigeno e condurlo, attraverso il fusto, ai rizomi. La superficie di questi, già dopo pochi mesi dall’avviamento dell’impianto, si rivestirà di un film batterico di microrganismi, i reali responsabili del processo depurativo (rimozione degli inquinanti: sostanza organica, azoto fosforo e patogeni).

Il testo unico sull’ambiente (D.lg. 152/2006) incentiva questo tipo di impianti perchè:

  • impiegano un metodo di depurazione naturale, capace di sopportare  forti variazioni orarie del carico idraulico ed organico,
  • sono di semplice gestione
  • richiedono  manutenzione minima.

Le acque reflue trattate si possono impiegate per l’irrigazione e l’alimentazione dei servizi.

clicca per ingrandire

L’impianto, dunque, serve a depurare le acque reflue dell’insediamento ma non a purificare quelle dell’Alcantara, fiume citato da Goletta verde che, nell’estate scorsa, definiva come gravemente inquinate le sue foci, insieme a quelle del Salso nell’Agrigentino, del Simeto nel Catanese, dell’Imera e del Nocello nel Palermitano, del Modica e dell‘Irminio nel Ragusano.

Discutibile anche il fatto che il depuratore in questione venga presentato come l’unico esistente in Sicilia. In alcune province, per esempio quella di Siracusa,  già da tempo le disposizioni delle autorità  sanitarie richiedono  che gli insediamenti esterni al perimetro urbano vengano dotati di impianti di depurazione di questo tipo.

Sulla  fitodepurazione leggi il sito Savewater

Per informazioni sull’inquinamento dell’Alcantara leggi Goletta verde

La notizia del nuovo impianto si trova su vari siti, tra cui Siciliainformazioni

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , , , , , ,


One Response to “L’Alcantara e gli impianti di fitodepurazione”

  1. Ciao a tutti. L’impianto di Fitodepurazione TerrAlcantara è il primo del genere all’interno dell’area protetta Parco Fluviale dell’Alcantara che comprende territorio in provincia di Catania e Messina. Visitatelo è davvero un gioiello.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>