Un primo, timido presidio, improvvisato e spontaneo. Così dopo un veloce un passaparola tra mail, sms e tradizionale telefono fisso, giovedì 24 febbraio, Catania ha detto un primo “No al genocidio in Libia” e ha dato la sua solidarietà al popolo martoriato di quella regione. A improvvisare il sit in piazza Università, con volantinaggio e raccolta di firme, sono stati gruppi della società civile senza sigle di partito. Nonostante la mancanza di cartelli e striscioni, la gente si fermava, parlava del massacro di donne e bambini e firmava l’appello contro il tiranno Gheddafi.

Pane, lavoro, democrazia, accoglienza, le parole d’ordine. “Per la fine dei bombardamenti – così il volantino – perchè Gheddafi vada via subito. Per il dovere dell’accoglienza . Per affermare il diritto d’asilo europeo di chi si ribella alle politiche di fame e violenze sull’altra sponda del Mediterraneo”.

Primi firmatari dell’appello Andrea Camilleri, Luigi Ciotti, Margherita Hack, Dacia Maraini, Moni Ovadia. Per adesioni gelsomini2011@gmail.com.

Leggi il testo integrale dell’appello

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>