Riceviamo dalla Rete Antirazzista Catanese e volentieri pubblichiamo

A Mineo i diritti dei migranti richiedenti asilo vengono sempre più calpestati e per questo motivo stanno manifestando.
Da stamattina (lunedì 6 giugno) alcune centinaia di richiedenti asilo, buona parte di origine africana, hanno bloccato la statale Catania-Gela, di fronte al cosiddetto villaggio della “solidarietà”. Motivi della protesta sono i tempi lunghi per l’esame della richiesta d’asilo , la pessima qualità e la scarsa quantità del cibo.

Oramai l’esasperazione sta crescendo fra i migranti e ci si ostina a non tener conto della giusta richiesta di accelerare i tempi potenziando la commissione ed il servizio d’interprete; in fondo la concezione che prevale è quella del parcheggio di oggetti, negando la soggettività di persone che sono sopravvissute a guerre e violenze ed hanno urgenza di costruirsi un futuro e di ricongiungersi con i propri cari.

A nulla sono serviti la manifestazione ed il blocco della Catania-Gela del 10 maggio ed un Consiglio territoriale sull’immigrazione in Prefettura sul “Cara” del villaggio degli aranci, tenutosi il 25/5 (a cui tra l’altro è stata negata la partecipazione ad associazioni che da mesi intervengono a Mineo): le condizioni di vivibilità sono pessime e la commissione per l’esame delle richieste d’asilo procede a rallentatore (in 3 settimane sono state esaminate solo poche decine di domande).

Come abbiamo sostenuto dai primi di marzo critichiamo a monte la scellerata decisione di deportare da altri Cara in Italia centinaia di richiedenti (che così sono costretti a ripartire da zero nell’attesa e nei percorsi d’inserimento), di trattenervi immotivatamente  quasi 50 minori, di trasferire da Lampedusa centinaia di migranti che dopo settimane ancora non hanno formalizzato la domanda d’asilo; non ci voleva molto ad intuire che il megaCara di Mineo sarebbe diventato un ottimo business per dilapidare ingenti risorse pubbliche a favore  della cricca degli amici degli amici ed un laboratorio di sadiche pratiche segregazioniste per ridurre drasticamente i diritti e la libera circolazione dei richiedenti asilo.

Nelle numerose iniziative che abbiamo promosso all’esterno del villaggio degli aranci abbiamo avuto modo di verificare come l’organizzazione della quotidianità da parte degli enti gestori e delle forze di polizia con le interminabili e spesso inutili file sia funzionale al controllo militare. Ai migranti viene impedito di cucinare ciò che preferiscono, non vengono forniti quei pochi euro che negli altri Cara vengono dati e, con la scusa che Mineo svolge anche funzione di CDA (Centro d’accoglienza), si formano lunghe file per telefonare solo per pochi minuti nei paesi d’origine con pochi telefoni in funzione solo per un paio di ore al giorno.

Facciamo pertanto appello all’associazionismo democratico del calatino, agli enti locali realmente solidali con i nuovi cittadini migranti e soprattutto ai media (ai quali nel villaggio degli aranci è negato l’accesso) a vigilare e ad accendere i riflettori sulle quotidiane ingiustizie che subiscono i migranti per impedire che il rispetto dei diritti dei richiedenti asilo venga affrontato come un problema di ordine pubblico, dimostrando ancora una volta che il sonno della ragione genera mostri.

Rete Antirazzista Catanese

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>