In un festival caratterizzato dalla presenza di  film italiani sull’immigrazione, quest’appello di registi, attori e artisti del cinema lancia un messaggio chiaro di denuncia e sensibilizzazione, che ci sembra importante diffondere in una regione, come la Sicilia, che invece di essere luogo di accoglienza e contaminazione, rischia di rappresentare per i migranti, soprattutto attraverso la pratica dei respingimenti, la fine di ogni speranza.

Ecco il testo dell’appello

Con questo appello noi registi, attori, produttori e artisti del mondo del cinema vogliamo lanciare un messaggio all’opinione pubblica e alle istituzioni, per contribuire con la nostra voce, oltre che con i nostri racconti, alla costruzione di una società meno soggetta a chiusure e derive xenofobe e più preparata a comprendere i flussi di immigrazione e a dialogare con i nuovi cittadini.

Chiediamo che:

  1. Si intensifichino gli sforzi a livello internazionale per ridurre l’eccidio intollerabile di profughi in fuga dalla Libia. E’ disumano ciò che è successo dal marzo 2011 ad oggi: civili in fuga da un Paese sotto attacco militare sono stati lasciati completamente soli ad affrontare il mare, con un bilancio di almeno 1500 vittime. E’ dovere umanitario internazionale, ed italiano in primis, fare di tutto perché chi fugge da una guerra a cui il nostro stesso paese partecipa, peraltro con l’obiettivo dichiarato di proteggere i civili, sia adeguatamente tutelato.
  2. Si riconosca senza esitazione a tutti i profughi in fuga dalla Libia la possibilità di ottenere o una protezione umanitaria in Italia o, se espressamente richiesto dalla persona interessata, un rimpatrio assistito nel proprio Paese di provenienza.
  3. Contemporaneamente ci si impegni a non replicare mai in futuro la scellerata politica dei respingimenti, attivata nel maggio 2009 con l’allora “amico” Gheddafi nonostante le denunce di vari organismi internazionali. Nessun respingimento in mare è accettabile, né verso la Libia né verso altri Paesi, come purtroppo sembra stia succedendo nelle ultime settimane verso la Tunisia
  4. Venga abolito il reato di clandestinità e si blocchi il prolungamento a 18 mesi della detenzione nei CIE, Centri di Identificazione ed espulsione, la cui organizzazione e funzione va completamente ripensata essendo diventati luoghi di intollerabile sospensione dei diritti, di forte umiliazione delle dignità personali e di isolamento civile e democratico. Venga a questo proposito revocata la circolare ministeriale che impedisce l’accesso di giornalisti e altri osservatori nei Centri stessi.
  5. Venga pensato e finanziato un vasto programma di diffusione culturale e sociale di pratiche di accoglienza e integrazione. Da una parte vengano rivisti i modi di gestione dei vari centri di accoglienza, in particolare i CARA (Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo),troppo spesso ridotti a semplici dormitori isolati e spersonalizzati; dall’altra si attivino percorsi culturali di conoscenza, incontro e informazione per ricostruire una società aperta e solidale.
  6. Venga riconosciuta la piena cittadinanza ai giovani 2g, ovvero i cittadini cresciuti in Italia ma figli di stranieri.

I Firmitari
Andrea Segre, Guido Lombardi, Marco Paolini, Giuseppe Battiston, Valerio Mastandrea, Elio Germano, Roberto Citran, Gaetano Di Vaio, Luca Bigazzi, Francesco Bonsembiante, Marco Tullio Giordana, Daniele Vicari, Daniele Gaglianone, Gian Paolo Cugno, Marco Bertozzi,Davide Ferrario, Giuseppe Baresi, Cineforum FIC Il posto delle Fragole – Oleggio (NO), Maurizio Sciarra, Anna Lodeserto, Paolo F.N. Ferrario, Guido Iuculano, Valerio Calzolaio, Domenico Marzaioli, Dario Formisano, Tanja Marcijan, Renata Bertolas, Roberto Giannarelli, Sabrina Morena, Ilaria Rossi Doria, Enrico Calamai, Florestana Piccoli Sfredda, Annunziata Fineschi, Valentina Forti, Angelo Tantaro – Cineclub Roma Fedic (Federazione Italiana Cineclub), MelinaCaudo, Gian Luigi Nieddu, Lilia Manganaro,Paul Lee, Diego Nunziata – Cinemadocumentario.it, Simone Amendola, Filippo Baracchi (Ass.Cult. Settimo Binario Mestre-VE), Marco Dentici, Mimmo Mastrangelo, Ugo Adilardi e Paola Scarnati (AAMOD), Christian Cinetto, PilarCastel, Giovanna Gatteschi, Andrea Bettinetti, Cristina Mantis, Giacomo Abbruzzese, Sergio Pelone, Claudio Metallo, Gianluca Di Girolami – Liberi Nantes ASD, Roberto Mazzarella, Gianluca De Falco, Maria Rosa Dominici, Roberta Lena, Pippo Mezzapesa, Marcello e Roberta Tobia, Paolo Pisanelli, Paolo Barbati, Cecilia Mangini, Stefania Bogo, Giovanni Cioni, Eky,Annalisa Forgione, Sara Zavarise, Gabriella Guido – rete PRIMOMARZO e LascateCIEntrare, Filippo Miraglia – ARCI, Maria Adele Roggero, Prospero Bentivegna, Ivan Nick bongo Kapalala, Gianfilippo Pedote, Luisa Acerbi, Stefania Incagnoli, Beppe Casales, Barbara Sorrentini, Maria Luisa Forenza, Giuseppe Barnato, Antonio Pecoraro, Circolo ARCI Thomas Sankara, Enrico Montalbano, Enrica Boffetta, Cristina De Ritis, Massimo D’Orzi, Cécile Kyeg! e Kashetu.

All’appello ha aderito anche la campagna L’Italia sono anch’io, tramite la quale si chiede di ottenere il diritto di voto e la cosiddetta cittadinanza breve per le persone di origine straniera che vivono in Italia.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>