Incontrare per strada un elfo, un gruppo di guerrieri in lotta armati di spadone, eroine in minigonna e principesse spaziali può  far paura. Lascia di certo stupefatti. Eppure è accaduto in occasione dell’Etna Comics, primo festival catanese del fumetto, cinema di animazione, gioco e videogame, tenuto tra il 9 e l’11 settembre alla Ciminiere.

Già da anni ai grandi festival del fumetto, Lucca Comics in primis, è normale vedere visitatori vestiti come i loro eroi di carta, celluloide o pixel. E’ normale che l’afflusso sia molto alto e coinvolga persone di età e cultura diverse. Ha lasciato invece stupefatti il grande concorso di pubblico e il grande fermento che ha caratterizzato l’appuntamento catanese.

Ne sono stati coinvolti in modo trasversale singoli e gruppi interessati a vario livello a passatempi ritenuti un po’ dork come i giochi da tavolo e i fumetti. E in effettti alle Ciminiere c’è stato spazio per tantissime manifestazioni dell’animo ludico, e per quasi ogni passione, dai giochi di ruolo dal vivo agli scacchi, dal cosplay al collezionismo di fumetti d’epoca: 150 euro per un Tex Willer. Impossibile citare ogni cosa senza fare torto a qualcuno.

All’Etna Comics non si rimaneva stupiti e interdetti solo per la varietà caleidoscopica delle possibili attività ma anche per il costo del biglietto, 8 euro, non giustificato dalla qualità dei servizi ai visitatori.

Nei saloni delle Ciminiere ci si districava tra scale mobili guaste e inservibili, l’odore della cottura dei ramen in scatola, un cibo orientale difficilmente apprezzabile da chi abbia compiuto la maggiore età e abbia almeno una volta nutrito un animale domestico, e soprattutto un caldo soffocante, tale da star male e invidiare non poco le fortunate che in costume da geisha avevano scelto come accessorio un ventaglio. Il tutto accompagnato dagli altoparlanti che invocavano, per carità, un tecnico in questa o quell’area. Ben più inquietante la situazione sul palco nell’anfiteatro esterno al complesso fieristico, colmo oltre i limiti della preoccupazione.

Un peccato, un peccato davvero, veniale solo se gli organizzatori impareranno dall’esperienza di questo primo evento, e la prossima volta si attrezzeranno per tempo e in maniera migliore.
foto di Alberta Dionisi –                   Musica on/off.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>