COMUNICATO STAMPA

 

 

Oggetto: Rinvio nomina Procuratore capo della Repubblica di Catania

 

Il Csm ha votato, a maggioranza, per l’ennesimo rinvio della nomina del Procuratore capo della repubblica di Catania. Una decisione sconcertante che fa pensare ad una accanita resistenza dei potentati politici,economici ed istituzionali a difesa del mantenimento dello status quo. Una realtà caratterizzata da ex procuratori e reggenti che rilasciano dichiarazioni pubbliche a favore degli indagati, dalle amnisie che favoriscono l’uscita dal carcere dei mafiosi, dalle tante opacità che hanno segnato la conduzione di inchieste delicate e i comportamenti privati di alcuni magistrati, fino a determinarne una condizione oggettiva di incompatibilità ambientale.

Catania ha bisogno di voltare pagina, occorre ricostruire un rinnovato rapporto di fiducia tra società civile e istituzioni, per dare ai cittadini riferimenti sicuri di legalità e di giustizia sociale: una necessità rivendicata più volte nei reiterati appelli per la nomina di un esterno, sottoscritti in questi anni dalle associazioni che praticano l’antimafia sociale e da centinaia di cittadini

Ci appelliamo al Presidente della Repubblica affinchè si faccia garante del bene pubblico, si contrastino i giochi di potere sulla pelle della città, mentre chiamiamo quanti si battono contro il sistema degli interessi affaristico-mafiosi a vigilare contro i condizionamenti dei potentati politici ed economici, sui quali ricade la responsabilità della spoliazione e dello stato di degrado della città di Catania.

 

Mimmo Cosentino,per la segreteria regionale di Rifondazione comunista.

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>