COMUNICATO STAMPA

 

Il nostro applauso e tutto il nostro appoggio alla denunzia di Pinella Leocata apparsa su La Sicilia di martedì 21 agosto, in merito al totale disinteresse del governo regionale per la manutenzione dei nostri beni culturali.

I beni culturali, sono “nostri” perché appartengono a tutti noi, alla collettività; sono “beni” perché potrebbero risolvere con un turismo ben curato i gravi problemi dell’economia siciliana, sono “culturali” perché parte costitutiva della nostra identità e del nostro passato.

Questi nostri beni culturali rimangono abbandonati per l’incuria e il menefreghismo del governo regionale, pronto a spendere centinaia di milioni per esperti e consulenze esterne o per le varie sagre paesane, fonti di ottimi ritorni elettorali, ma incapace di reperire poche migliaia di euro per riparare un distacco di calcinacci nell’anfiteatro romano che rimane così chiuso ai catanesi ed ai turisti.

Ma facciamo una sottoscrizione! Ripariamolo noi l’anfiteatro romano a Catania! Riappropriamoci dei nostri beni culturali, nell’attesa di poterci riappropriare del nostro sangue e della nostra vita, risucchiata e rovinata dalla disonestà dei nostri amministratori!

CittaInsieme.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , ,


One Response to “CittàInsieme sullla gestione dell’anfiteatro romano di Catania”

  1. marcello di luise
    agosto 25th, 2012 at 09:47

    Cittainsieme!

    Come Catanese ne sono più che mai orgoglioso, vista oggi la necessità di sopperire anche alle associazioni specifiche per la tutela monumentale, troppo impegnate nella tutela della nautica privata.

    Marcello Di Luise

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

'