Il mare, la maccchia mediterranea, i reperti archeologici. Tutto questo ha fatto di Eloro una meta importante non solo per i turisti ma anche per i locali che apprezzano la bellezza e l’arte. Pubblichiamo oggi la lettera aperta inviata da cittadini e associazioni al consiglio comunale di Noto e alla giunta che amministra oggi il paese affinchè abbandonino il progetto di lottizzazione in contrada Eloro-Pizzuta, che prevede la costruzione di 120 villette che, a detta degli scriventi, metterebbero a repentaglio la conservazione della macchia mediterranea e aggraverebbero i già gravi problemi di viabilità, approvvigionamento idrico, smaltimento fognario.

Nella lettera si chiede ai consiglieri, che si riuniranno il 3 settembre, di non farsi ingannare dalle false sirene di uno sviluppo non compatibile con il rispetto e la valorizzazione della natura. E’ un problema che non riguarda solo Noto e le spiagge del suo circondario, ma che esiste in tutta la Sicilia, e non solo. E’ un problema di cultura e di mentalità. Guardare solo agli interessi immediati (e forse anche solo personali, sulla base della domanda: “a me cosa me ne viene?”) può essere alla lunga perdente e autolesionista. Se ne sono accorti anche i gestori delle strutture recettive, tanto che tra i firmatari troviamo anche l’Associazione Albergatori di Noto.

Legambiente ha inoltrato un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica ritenendo “discutibile” il parere emesso dall’Ispettorato delle Foreste.

Ecco il testo integrale della lettera:

LETTERA APERTA AI SIG.RI CONSIGLIERI, ALLA GIUNTA COMUNALE, AL SIG.SINDACO

e p.c. ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

Noto 18/agosto/2012

A breve sarete chiamati a votare su una questione di capitale importanza per il futuro della città e del suo territorio: la perimetrazione di un piano di lottizzazione che prevede la costruzione di 120 villette nella zona Eloro-Pizzuta.

L’approvazione di tale progetto rappresenterebbe un grave cambio di rotta nelle linee di sviluppo sostenibile che la città ormai da tempo ha intrapreso.

Molte maestranze spingono per l’approvazione di tale piano sperando in una occasione di lavoro. Noi comprendiamo e rispettiamo tali esigenze, ma la politica non può rispondere a queste esigenze con l’ennesima distruttiva colata di cemento, piuttosto deve rispondere proponendo, per quanto riguarda il settore edile, la riqualificazione dell’esistente.

La costruzione di 120 villette certamente darebbe lavoro per qualche anno, ma danneggerebbe in modo irreversibile le attività più durature già avviate come alberghi, agriturismi, B&B, case vacanza, ristoranti, bar e tutto l’indotto che vive grazie al turismo.

La bellezza del mare, delle spiagge, della riserva di Vendicari e del territorio rappresenta il richiamo principale dell’afflusso turistico.

Inoltre questa ennesima cementificazione in una zona completamente priva degli standard urbanistici che dovrebbero essere garantiti per legge, aggraverebbe i problemi di viabilità, di approvvigionamento idrico, di smaltimento fognario, di affollamento eccessivo delle spiagge antistanti il cui arenile, tra l’altro, annualmente si assottiglia sempre più.

In conclusione tutta la zona marina diventerebbe di difficile fruizione sia per i netini che per i turisti che sarebbero demotivati dal venire a Noto.

AI CONSIGLIERI, ALLA GIUNTA COMUNALE E AL SINDACO vogliamo puntualizzare inoltre quanto segue:

  •  il parere dell’Ispettorato Ripartimentale delle foreste di Siracusa secondo cui nella zona non esisterebbe macchia mediterranea, è palesemente errato ed è in aperto contrasto con lo Studio Agricolo-Forestale effettuato per conto del comune, approvato con delibera consiliare del 24/10/2007 e allegato allo schema di massima del progetto di revisione del p.r.g. Tale studio identifica nella zona Eloro-Pizzuta 10 ettari di macchia mediterranea, ne elenca oltre 10 specie (Decreto Presidenziale 28/6/2000) e ne stabilisce la zona di rispetto. Quindi la prevista lottizzazione deve allontanarsi di m.200 dal limite della macchia mediterranea come previsto dalla legge regionale n.16 del 6/4/1996. E’ superfluo aggiungere che questa legge va rispettata nonostante il tentativo, nel novembre 2011, da parte di ignoti di distruggere la macchia.Contro il discutibile parere della Forestale è stato inoltrato da Legambiente un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica.
  • manca il Decreto dell’Assessorato Territorio ed Ambiente in merito alla variante sulla destinazione d’area adottata dal comune in seguito alla sentenza del TAR n.339/2000.

AL SINDACO E ALLA SUA MAGGIORANZA chiediamo con forza di abbandonare definitivamente l’idea di uno sviluppo miope basato sul cemento, distruttivo della bellezza e delle risorse del territorio, e di tornare al PROGETTO NOTO, che prevedeva il recupero e la riqualificazione del costruito esistente, la conservazione e la valorizzazione del paesaggio, maggiori servizi per i cittadini e per i turisti, in sintesi, una politica per uno sviluppo sostenibile.

Associazione Albergatori di Noto

Comitato Eloro viva

PaesaggioèFuturo

Legambiente

Case sparse dell’agro netino

Sciami

Ente Fauna Siciliana

Comitato per i diritti del cittadino

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


4 Responses to “Sos, cemento su Eloro”

  1. cosa aspettiamo per fare una denuncia e chiedere il sequestro penale dell’area interessata?Sono dispenibile.

  2. i terreni cementificati sul mare debbono formare oggetto di una richiesta di sequestro penale.In tema di danni per reati ambientali anche i cittadini possono esercitare un’azione popolare per sostituirsi all’inerzia del Comune.

  3. dove sono gli avvocati di Noto e di Ragusa? Bisogna bussare alle porte di una giustizia sorda e pigra. Sul tema bisogna invocare, ove possibile, le norme sulla confisca.La mafiosità delle iniziative di tal genere è scontata.

  4. Ma perchè nessuno mi contatta, avrei un po’ di cose da raccontare in merito a questa vicenda ed ai pareri espressi dalle Amministrazioni – Sono a disposizione.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>