E’ tornata, per la gioia dei tanti appassionati siciliani, l’Etnacomics, rassegna e fiera del fumetto e del gioco, che già l’anno scorso, nel suo primo anno, aveva attirato cultori e curiosi. Neonato parente di altre e più note kermesse del settore, Lucca Comics in primis, l’evento si è svolto il fine settimana scorso, all’interno del centro fieristico delle Ciminiere.

I banchi su cui, pochi giorni prima, si erano svolti gli esami di ammissione all’università hanno lasciato il posto a stand di editoria, a mostre, dibattiti, proiezioni e concerti, a disegnatori e sceneggiatori, tra cui David Lloyd, il disegnatore della notissima graphic novel V per vendetta e Phil e Kaja Foglio, impegnati soprattutto nella grafica delle carte del gioco Magic The Gathering, ma noti anche per fumetti di ambientazione fantascienza e steampunk e per essere stati tra i primi professionisti  a passare dal tradizionale fumetto cartaceo al  fumetto  online.

Affollato e vario il pubblico, proveniente da tutta la Sicilia e oltre: ragazzi e ragazze molto giovani, a volte accompagnati dalle mamme, ma anche adulti e famiglie con bambini piccoli. Colonna sonora onnipresente, la musica dei cartoni animati: gli appassionati hanno pure potuto assistere a un concerto della regina del genere, Cristina D’Avena. 

Tra la folla ogni tanto compariva un cosplayer, colorato e scenografico, uno di coloro che fanno cosplay, ossia scelgono di interpretare, travestendosi, personaggi dei fumetti fantasy e  dei cartoni animati, o dei film.

C’erano stand per tutti i gusti: un’area giapponese, affollata da ragazzine in costume tradizionale o in abbigliamento gothic lolita, Altrimondi, un’area dedicata al gioco di ruolo in costume, con elaborati scenari di ambientazione fantasy o steampunk e il gruppo 501st Legion Italica Garrison , associazione riconosciuta di appassionati dei film Star wars, impegnati in una realistica evocazione dei personaggi dell’impero, Darth Vader, Palpatine e Stormtrooper inclusi, ed infine aree dedicate alla nobile arte del gioco da tavolo: dai più antichi e tradizionali come gli scacchi ai più recenti e moderni.

A Catania e provincia, infatti, in molti giocano con i giochi da tavolo, e si riuniscono per farlo. Appuntamento fisso in città è con il Mercoludì, un gruppo di giocatori che si incontra ogni mercoledì presso la fumetteria Games & Comics Shop, in via Etnea. Il gruppo del Mercoludì era presente all’Etna Comics in un’area dedicata al gioco, nella quale chi avesse voluto provare un gioco avrebbe ricevuto spiegazioni e assistenza da qualcuno già esperto. E’ stato così possibile provare un grande numero di giochi, dai più semplici, adatti ai principianti e ai bambini, ma divertenti per tutti, a giochi più complessi, che possono durare anche alcune ore.

La cultura del gioco da tavolo si sta diffondendo dalle nostre parti relativamente da poco, mentre rappresenta un momento di aggregazione importante nei paesi del nord Europa, specialmente in Germania e nei regni scandinavi. Non a caso, molti giochi di successo sono nati proprio in Germania. Di alcuni giochi vengono organizzati dei veri tornei, che nulla hanno da invidiare, in quanto a severità delle regole e complessità delle strategie,  a quelli, più abituali, di scacchi. Durante l’Etna Comics se ne sono svolti alcuni, tra cui ricordiamo quello di un gioco piuttosto semplice e molto noto tra gli appassionati di giochi: Carcassonne. 

Rispetto all’anno scorso l’organizzazione è molto migliorata. I disagi maggiori, il caldo all’interno della struttura e la scarsa pulizia, sono stati risolti brillantemente. Un appunto però rimane da fare: prima di andare non siamo riusciti ad avere informazioni sugli orari di apertura della fiera. Inoltre le file ai botteghini per l’acquisto del biglietto d’ingresso avrebbero potuto essere gestite meglio, magari con una serpentina, in modo da essere più rapide ed eque. Ma la fila si dimentica presto, appena entrati.

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>