l'alba dal porto di Catania

Vi proponiamo oggi una poesia di Ignazio Buttitta, il poeta di Bagheria che scelse la lingua siciliana per esprimere sentimenti universali, per dirci -come in questo caso- che si può amare la vita e gustarne la bellezza nonostante si abbia la “carni scurciata, i pedi spinati” e nonostante ci siano “a guerra, a caristia, e populi pronti a scannarisi”.

Buon anno !

U tempu longu
A sittant’anni e doppu
mentri cala u sipariu
e accurza a vista,
l’omu leggi 2 Nuvembri
nto calannariu di l’occhi.
Ma stamatina,
senza grazia accanzata,
io leggiu Pasqua e risurrezioni;
e viu davanti a mia
u tempu longu,
i strati aperti,
u celu nettu
e senza trona chi scàttanu.
E diri ca c’è a guerra,
a caristia,
e populi pronti a scannarisi.E diri c’haiu a carni scurciata,
i pedi spinati,
e u cori
chi si jinchi e svacanta ogni ghiornu;
e c’haiu vogghia d’erba
e di pani càudu
e di vucchi e d’occhi chi vàgnanu
e scippanu i siccumi du cori.

D’unni veni sta luci
ca m’illumina l’occhi
e mi fa vìdiri u lustru nto scuru,
u celu nte funnali
e a gioia lùciri nte lacrimi?

Cu sfardò i negghi
ca chiòvinu sangu
e mi fa vìdiri u munnu rinasciri,
a terra allungarisi,
e u celu gràpirisi
e tràsiri nta àutri celi?

Cu mi fa vìdiri
i muntagni vivi,
l’arbuli additta
e u suli ca i vesti
e u ventu c’arrimina e ci parra?

Non è a puisia;
a puisia adduma e s’astuta,
affunna nterra e mori,
acchiana ncelu e cadi:
havi l’ali di pagghia.

Zocch’è e pirchì,
guardu a campagna e ciurisci cu mia,
guardu u mari e mi pari u me lettu,
guardu u celu e ci trasu cu cori?

Zocch’è e pirchì
io sugnu sulu
e viu genti e banneri
e òmini d’ogni lingua
e mi sentu carni ncurpurata
e ciumi nte ciumira?

Zocch’è e pirchì
mi sentu natura
chi mori e rinasci
ed haiu i carni tènniri?…

Stamatina addivintavu omu.

Il tempo lungo
A settant’anni e dopo
mentre cala il sipario
e la vista si accorcia,
l’uomo legge 2 Novembre
nel calendario degli occhi.Ma stamattina,
senza grazia guadagnata,
io leggo Pasqua e resurrezione;
e vedo davanti a me
il tempo lungo,
le strade aperte,
il cielo pulito
e senza tuoni che scoppiano.E dire che c’è la guerra,
la carestia,
e popoli pronti a scannarsi.E dire che ho la carne scorticata,
i piedi con le spine
e il cuore
che si riempie e si svuota ogni giorno;
e che ho voglia d’erba
e di pane caldo
e di bocche e di occhi che bagnano
e strappano le radici secche dal cuore.

Da dove viene questa luce
che m’illumina gli occhi
e mi fa vedere più chiaro nello scuro,
il cielo nei fondali
e la gioia splendere nelle lacrime?

Chi squarciò le nuvole
che piovono sangue
e mi fa vedere il mondo rinascere,
la terra che si allunga,
e il cielo aprirsi
per entrare in altri cieli?

Chi mi fa vedere
le montagne vive,
gli alberi in piedi
e il sole che li veste
e il vento che li muove e ci parla?

Non è la poesia;
la poesia si accende e si spegne,
affonda in terra e muore,
si alza in cielo e cade:
ha le ali di paglia.

Cos’è e perchè,
guardo la campagna e fiorisce con me,
guardo il mare e mi pare il mio letto,
guardo il cielo e ci entro col cuore?

Cos’è e perchè
io sono solo
e vedo gente e bandiere
e uomini d’ogni lingua
e mi sento carne incorporata
e fiume dentro i fiumi?

Cos’è e perchè
mi sento natura
che muore e rinasce
e ho le carni tenere?…

Stamattina sono diventato uomo..

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>