Vinci un concorso per lavorare come operatore sanitario ma, essendo sieropositivo,  il posto di lavoro ti viene negato. Una storia di altri tempi? No, è semplicemente quanto è avvenuto oggi in uno degli ospedali catanesi. In una conferenza stampa, svoltasi presso la sede della LILA (Lega Italiana per la Lotta contro l’ AIDS), sono stati Valentina Riolo e Michele Giorgianni (i due avvocati dell’uomo) a denunciare l’accaduto.

La voglia di non subire passivamente un evidente sopruso ha, infatti, portato il protagonista (evidentemente involontario) della vicenda a contattare gli avvocati, e il Tribunale di Catania – sezione lavoro – gli ha dato ragione, costringendo l’ azienda a reintegrarlo nel posto di lavoro.

Ottenuto il lieto fine, in altri casi dell’intera vicenda, probabilmente, non se ne sarebbe più parlato. Il lavoratore, però, ha giustamente ritenuto, e in ciò è stato supportato dagli avvocati (che lo hanno seguito dal punto di vista legale, ma che hanno, anche, condiviso l’indignazione umana e morale per quanto accaduto) che fosse necessario ‘andare avanti’ per evitare che anche altri potessero subire analoghe umiliazioni e negazione di diritti.

Peraltro nel passato l’uomo aveva lavorato, nel nord Italia, in un’azienda sanitaria, rispettando, ovviamente, i protocolli previsti in questi casi. Protocolli che tutelano la salute della persona sieropositiva, come quella degli utenti.

In particolare, i legali hanno sottolineato negativamente il comportamento di una dottoressa che, durante le visite di controllo successive alla vincita del concorso, non solo ha spinto il lavoratore a ‘confessare’ la positività, ma lo ha dichiarato immediatamente inidoneo, impedendone l’assunzione.

Dimostrando, la dottoressa, di guardare alla sieropositività con un’ottica ormai superata dalle attuali conoscenze scientifiche ed operando con modi che configurerebbero, e infatti è stato avviato un procedimento penale, una vera e propria violenza privata.

Temi, questi ultimi, ripresi dal professor Luciano Nigro (infettivologo e presidente della LILA Catania) che ha sottolineato come oggi i passi in avanti nell’affrontare AIDS e sieropositività fanno sì che una persona con HIV in terapia e con carica virale azzerata riduce quasi allo zero il rischio di contagio.

Di tutto ciò occorre tenere conto se si vogliono evitare passi indietro e nuovi processi di criminalizzazione ed emarginazione che, insieme alle persone sieropositive, colpirebbero tutti, rendendo, in ultima istanza, meno tutelato lo stesso diritto alla salute.

Infine, a conferma che qualcosa sta cambiando è intervenuto (unica, comprensibile, richiesta non scattare foto) il protagonista della storia. Un intervento importante per ricordare che non si può rinunciare ai diritti, ma che, soprattutto, a nessuno, per nessun motivo, può essere imposto il silenzio.

Be Sociable, Share!

Tags: , , , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>