COMUNICATO STAMPA

 

Stamani è esplosa un’altra protesta dei richiedenti asilo nella SS Catania – Gela; quasi tutti i commenti denunciano la situazione insostenibile dei menenini e non pochi auspicano il potenziamento delle forze dell’ordine per fare rispettare le leggi e garantire la sicurezza (naturalmente dei menenini).

Oggi la situazione al Cara di Mineo , come denunciamo soprattutto dall’inizio dell’anno, sta diventando incandescente. Non era prevedibile che, raddoppiando le presenze di richiedenti nel Cara e dimezzando gli esami delle richieste d’asilo, quindi quadruplicando i tempi (già lunghi e fuorilegge negli anni scorsi), i migranti non trovassero altro mezzo che quello di ricorrere alla protesta collettiva per fare rispettare i propri diritti?

A Mineo e nel calatino c’è chi ha fatto la sua fortuna, anche elettorale, con il mega business del Cara; in fondo più si parcheggiano a tempo indeterminato migliaia di persone (che hanno urgenza di ricongiungersi con i familiari e costruirsi un futuro), più gli introiti aumentano.

Da mesi si stanno volutamente esasperando le condizioni di vivibilità dei richiedenti asilo, nonostante a Mineo tante attività commerciali siano rifiorite grazie a loro e, come al solito, l’unica proposta è quella di garantire la sicurezza dei menenini minacciata dai “pericolosi” richiedenti asilo (persone che fuggono da guerre e persecuzione e non hanno commesso alcun reato).

Dopo le 2 stragi di migranti al largo di Lampedusa si può proseguire con questa ipocrisia?

Ieri abbiamo manifestato ad Agrigento, contestando la ridicola passerella dei ministri che celebravano i funerali dei migranti, impedendo di parteciparvi ai 157 superstiti, segregati a Lampedusa; invitato, invece, l’ambasciatore del governo eritreo, carnefice del suo popolo.

Decenni di vergognose leggi razziali hanno dipinto i migranti, reali vittime delle ingiustizie planetarie, come pericolo pubblico, mentre i reali carnefici , dalle mafie mediterranee, che organizzano i viaggi della morte, ai tanti sfruttatori del lavoro nero ed ai caporali, grazie alle complicità nelle istituzioni, la fanno franca.

Dalla strage dei 6 migranti il 10 agosto scorso nella Plaia di Catania è stata promossa dalle associazioni antirazziste una campagna per il diritto d’asilo europeo e per aprire corridoi umanitari nelle zone di conflitto, proponiamo all’opinione pubblica, e soprattutto ai media, di riflettere di più sulla complessità e drammaticità che sta dietro ad ogni migrante, prima di criminalizzare chi lotta per i propri diritti e di auspicare una maggiore repressione .

IL Cara di Mineo deve essere chiuso!

L’esperimento di segregazione dei migranti voluto da Maroni è fallito!

No alle galere etniche!

Rete Antirazzista Catanese

 

Be Sociable, Share!

Tags: ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>