La terra(e)strema. E’ terra estrema, periferia lontana, marginale ma anche terra che riduce allo stremo, esaurisce, indebolisce e depaupera. Sfrutta, insomma. Il film documentario di Enrico Montalbano, Angela Giardina e Ilaria Sposito è un viaggio nelle terre estreme delle raccolte stagionali e dello sfruttamento dei migranti.

E’ stato girato qualche anno fa ma è sempre attuale chè la situazione non è certo migliorata negli ultimi anni a Pachino, a Campobello di Mazara, ad Alcamo o a Cassibile. Lì, in quelle terre estreme, anche perché troppo spesso lontane dalle nostre vite, migranti-schiavi “invisibili” raccolgono i pomodori ciliegino, le olive, l’uva o le patate. E ne devono raccogliere grandi quantità pena la perdita del lavoro e l’assegnazione ad altri più capaci da parte di caporali senza scrupoli.

Colpa soltanto della globalizzazione che condanna anche i piccoli produttori autonomi a trasformarsi in braccianti o a scomparire? Sicuramente è colpa dell’avidità di pochi che decidono della vita di tanti, troppi. Delle poche catene di distribuzione che, imponendo sementi e materiali, decidono i prezzi. Dei proprietari delle aziende agricole che danno salari di fame. Ed anche di alcuni giovani siciliani che non accolgono ma respingono i migranti riproponendo un razzismo che non appartiene alla nostra isola.

E’ un docufilm un po’ lungo, dura quasi un ora, ma è molto interessante e accanto alle immagini delle vite terribili di questi nostri sfortunati fratelli ne propone altre, bellissime, della nostra campagna e dei suoi frutti.

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


One Response to “La Terra (e)strema, un viaggio nella terra dei migranti invisibili”

  1. Maria Grazia Bonaffini
    dicembre 18th, 2013 at 12:54

    Direi che “la Terra è strema” …

    mgb

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>