Il protagonista de L’amanti miu è un uomo molto amato, idolatrato diremmo, da una donna; ma è un uomo come tanti, senza nome e senza volto. Quella di Unni si’, invece, non è una donna qualsiasi, è Felicia, mamma di Peppino Impastato.

Unni si’, è una canzone in siciliano, scritta da Francesco Giuffrida, musicata e cantata da Giada Salerno, che sarà presentata al prossimo premio intitolato alla cantante folk Giovanna Daffini, organizzato dal Comune di Motteggiana (MN).

La premiata ditta Giuffrida & Giada Salermo non è nuova alla manifestazione-competizione del comune del Mantovano. L’amanti miu , infatti, ha già ricevuto il premio Daffini nel 2013.

Francesco Giuffrida, catanese, è uno studioso del canto popolare e sociale; Giada Salerno (in arte Ciatuzza) ha al suo attivo un cd (Tant’amuri r’unni veni – M.A.P., 2013) col quale ridà vita, musicandoli, a una serie di brani scelti dalle raccolte ottocentesche, brani trascritti nella sola parte letteraria.

Giuffrida ha scritto il testo di Unni si’ pensando a una donna (madre, moglie, fidanzata) legata a una vittima della mafia. Nel momento in cui la canzone, una doppia ottava, è “passata” alla musicista la vittima è diventata Peppino Impastato e la donna, voce narrante, sua madre Felicia.

La Daffini, cui è intitolato il premio, che csi svolge nella sua città natale, Motteggiana, lavorò come mondina a Novara e a Vercelli e partecipò alla Resistenza. Due esperienze che le permisero di apprendere canzoni popolari, politiche e di protesta.

Questo ricco bagaglio personale e una non comune capacità di interpretazione la fecero diventare una cantante professionista nel gruppo del Nuovo Canzoniere Italiano.

Ed ora ecco a voi testi e musiche delle due canzoni

Unni si’Unni si’ ca ti cercu a tutti banni,
varca sbannuta sugnu ammenzu a l’unni;
cimiddìu a lu ventu comu ‘i canni
e mi furrianu l’occhi tunni tunni.
Si ppo’ fari ‘n signali mi lu manni,
unn’haju a circari cchiù, dimmillu unni;
crisci la pena ogni ura cchiù granni
e li pinseri me cchiù niuri e funni.Tu si’ lu me pileri forti e duci
bannera ca risisti ad ogni ventu
torcia ‘nciammata fai lustru e n’abbruci
cu t’astutau n’ha aviri cchiù abbentu.
Lu to silenziu morti n’arridduci,
viniti genti, a unu a deci a centu:
è comu vivu si facemu vuci
di novu allatu lu vogghiu lu sentu.
(di Francesco “Ciccio” Giuffrida)
Dove seiDove sei , io ti cerco dappertutto,
sono una barca perduta in mezzo alle onde;
ondeggio al vento come fanno le canne
e gli occhi girano cercando in tondo.
Se puoi fare un segno mandamelo,
dove devo ancora cercare, dimmelo dove;
cresce la pena ogni ora più grande
e i miei pensieri si fanno sempre più neri e cupi.Tu sei il mio sostegno forte e dolce,
bandiera che resisti ad ogni vento,
torcia accesa fai luce ma non ti consumi
chi ti ha spento non deve avere più pace.
Il tuo silenzio ci riduce come morti
venite tutti, da soli in dieci in cento:
sarà come vivo se gridiamo tutti assieme
di nuovo al nostro fianco lo voglio lo sento

L’amanti miu è asta di bannera
‘n principi nun ci pò stari alla para;
e quannu nesci di intra la pirrera
è capitanu di li surfarara.
Po’ quannu sbota di la cantunera
mi scordu di la vita quant’è amara;
rapu la porta addumu la lumera,
l’amanti miu ‘nti mia s’arripara.Scordati beni miu dda tana scura
veni ‘nta li me razza di massara;
scordati di lu cauru e di l’arsura
di l’acqua puzzolenti e dâ limara;
chinu di pruvulazzu e di surura
iu t’arrifriscu ccu la me quartara.
L’ amore mio è un’asta di bandiera
un principe non si può paragonare a lui;
e quando viene fuori dalla miniera
è il comandante degli zolfatari.
Poi quando lo vedo girare l’angolo
dimentico le amarezze della vita;
apro la porta accendo la lampada,
e lui da me trova conforto.Dimentica amore quella oscura tana
vieni tra le mie braccia accoglienti;
dimentica il caldo e l’arsura
l’acqua puzzolente e il fango;
pieno di polvere e sudore
io ti rinfresco con l’acqua della mia brocca.
Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>