Ricca di emozioni e per nulla retorica la serata che il Comune di Milo, in collaborazione con Franco Battiato e la Nazionale cantanti e sotto la regia di Red Ronnie, ha dedicato a Fabrizio De Andrè.

A partire dal filmato, girato a sua insaputa e mandato in apertura, con una Dori Ghezzi che ascolta, profondamente assorta, la voce di Fabrizio che canta Anime Salve, titolo usato per denominare anche la serata.

Interessante e lungimirante anche la scelta di fare esibire quattro degli artisti e dei gruppi emergenti cha la sera precedente avevano animato la serata del premio Voci del Mediterraneo.

Folta anche la partecipazione di artisti di nome: Arisa, Cristiano De Andrè, Paolo Belli, Rosario De Andrè, Juri Camisasca, Rosario Di Bella, i Tinturia, Mario Incudine, per finire con la ritrovata Rita Pavone.

Ognuno a eseguire un pezzo di De Andrè assieme a uno del loro repertorio, ma con molta semplicità, come se ci si ritrovasse in un cortile, a cantare le canzoni che hanno segnato la nostra gioventù con l’accompagnamento di una chitarra. Anche le difficoltà mostrate da Arisa a ricordare il testo di Bocca di Rosa che aveva scelto di cantare hanno finito per suscitare tenerezza e simpatia.

A proposito di questo classico di De Andrè, molto apprezzata, fra tutte, è stata l’esibizione di Mario Incudine che ha cantato la sua coloratissima, anche se non nuova, traduzione in dialetto siciliano.

Dato l’entusiasmo che ha destato e per il suo valore oggettivo, la vogliamo riproporre accludendo anche il testo della traduzione, per consentire ai nostri lettori di goderla pienamente.

Fabrizio De Andrè, Bocca di rosa, traduzione in dialetto siciliano di Mario Incudine

Era chiamata vuccuzza di ciuri
faceva l’amuri, faceva l’amuri
e lu faceva di tutti i maneri
di ‘ncapu, di sutta, davanti e darreri.

Quannu scinniu a la stazioni
Di un paesiddu cca vicinu
Si n’addunarunu vecchi e carusi
Ca ugn’era un monicu ne un parrinu

C’e cu lu fa picchì cci siddia
C’e cu ‘nveci si cci ni preja
Vuccuzza di ciuri ne l’unu ne l’autru
Ppi didda l’amuri è na puisia.

Ma la passioni unni ti fa ghiri
A fari li cosi ca fannu piaciri
Senza capiri su ‘u disgraziatu
E zitu,schettu o maritatu.

Ed accussì ca di oggi a dumani
Vuccuzza di ciuri unn’avi cchiu spassu,
mentri ca tutti ddi cani arraggiati
ci iettanu ‘u Sali a chiuirci ‘u passu.

Ma li cummari d’un paiseddu
Talianu ‘ntunnu e unn’hanu cchi fari
E mentri ca perdunu a corda e lu sceccu
Su rusicanu sulu l’ossa cc’o sali.

Si sapi ca ‘a genti duna cunsigliu
Sintennusi cumu Dominneddiu
Grapunu a’a vucca ma all ‘occurrenza,
un sanu diri mancu piu.

Accussi ‘na vecchia schittusa e acita,
senza né figli e senza cchiù vogli,
si pigliò ‘u culu a puzzuluna
e ghiva dittannu la so dottrina.

Si la pigghiava ccu li cornuti,
dicennuci a tutti mali paroli:
cu rubba l’amuri avrà punizioni
di carrabbunera e guardi riali.

Currerru tutti a parlari ch’è guardi
Ci dissiru senza menzi paroli
dda tappinara avi troppi clienti
Chiossà di chidda ca vinni pani
E arrivarru quattru gendarmi
Ccu li cappedda e ccu li pennacchi
Arrivarunu ‘ncapu e cavaddi
ccu li pistoli e li scupetti

ma puru i sbirri e i carrabbunera
un fanu mai u propriu duviri,
ma quannu si misiru l’alta uniformi
l’accumpagnarunu alla stazioni.

Alla stazioni c’eranu tutti
dai guardi riali o sagristanu
Alla stazioni c’eranu tutti
Ccu l’occhi vagnati e ‘u cori in manu
A salutari cu ppi tanticchia
Senza pritenniri e senza aviri
A salutari cu ppi du jorna
Purtò l’amuri ne ddu quarteri

c’era un cartellu ranni
e l’occhi chini ‘i pena
dicivunu addiu vuccuzza di ciuri
ccu ti si ni và la primavera.

Ma na notizia di sta purtata
Un’avi bisugnu di carta stampata
Cumu lu metri e lu pisari
Fici lu giru di lu quartieri.
Alla stazioni ca veni d’appressu
C’è chiossà genti di chidda ca lassu
C’e cu s’asciuca l’occhi di chiantu
Cu si prenota p’un mumentu.

E puru u parrinu ca murmuriava
Si dici mutu ‘na santa orazioni
E sta Madonna china ‘i biddizzi
a voli accanto pp’a procissioni.
E cu la Vergini in prima fila
Vuccuzza di ciuri manu ccu manu
Si porta appressu ppi lu paisi
L’amuri sacru e chiddu buttanu!

Be Sociable, Share!

Tags: , , ,


3 Responses to “A Milo De Andrè parla in siciliano”

  1. Noi siciliani abbiamo sempre fatto nostre colture e culture estranee.
    Mai però così bene da farci pensare che, in tema musicale, sia stato De Andrè ad avere concepito in Sicilia e portata nel mondo “vuccuzza di rosa” tradotta in italiano.

  2. Sono un antico cultore delle canzoni di Fabrizio De Andrè. Massimo rappresentante dei versi laici e libertari.
    Il dato è, però, che con i tempi che corrono, caratterizzate dalle magre tasche per i tantissimi, è molto difficile affrontare le esose spese del biglietto.

    Nel caso in oggetto – se non ricordo male – si trattava di due fasce pari a 41 e 27, detti euro. TROPPO, suppongo, per lavoratori dipendenti o pensionati, per non dire disoccupati o lavoratori precari o al nero.
    Per due componenti familiari, come si usa dire, sono 82 o 54 euro che “cadono”. Certo bisogna pur pagare. In proporzione, però, con quello che è il reddito medio disponibile. Gli organizzatori di eventi musicali vivono ormai un “ mondo tutto loro” che è molto distante dalla dura e concreta realtà quotidiana.

    Anche loro, a partire dagli artisti, dovrebbero proprio aggiornarsi. Cari amici, le tasche, ormai, sono quasi vuote, a parte quel ristretto numero che detiene gran parte della ricchezza.
    In virtù di queste considerazioni da parte ai non sono andato. Sento De Andrè in Cd o disco.

    Poi, le cronache hanno raccontato che quasi un terzo degli spalti erano vuoti.
    Già, chissà perché!

  3. Micio ha detto giusto : anche io ho desistito per lo stesso motivo…

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>