Voltapagina -FemminicidioNeanche a farlo apposta. Il processo di secondo grado per il femminicidio di Stefania Noce si è concluso alla vigilia della giornata di lotta contro la violenza sulle donne e con un epilogo atteso o quantomeno sperato: il rinvio alla sentenza di primo grado e quindi la condanna all’ergastolo per Loris Gagliano, l’assassino della giovane studente universitaria femminista e di suo nonno, Paolo Miano. La corte ha, infatti, ritenuto “inammissibile il ricorso in appello”.

A palazzo di giustizia erano presenti il papà e la mamma di Stefania, la nonna, scampata per miracolo alla furia omicida, l’associazione Sen e le donne delle altre associazioni con i loro striscioni e cartelli.
La Cgil di Catania e il Coordinamento donne della Cgil, hanno espresso “la loro soddisfazione per la notizia, e ribadito la loro grande fiducia nella giustizia e nelle forze dell’ordine che hanno contribuito a punire definitivamente il colpevole, senza scorciatoie. – così in una nota congiunta, la Cgil di Catania e il Coordinamento donne del sindacato che nei giorni scorsi hanno dedicato a Stefania un video diffuso nel Web – È bene che ogni potenziale assassino di una donna sappia che, oltre a spegnere la vita di un essere umano, cancellerà anche le proprie speranze per un futuro migliore”.

“Riteniamo, però, – hanno dichiarato le donne de Le Voltapagina e Snoq-Catania– che il grave problema del femminicidio non vada affrontato e risolto solo nelle aule dei tribunali o nelle carceri. Da anni pensiamo che la violenza maschile contro le donne sia un problema culturale e che come tale debba essere affrontato, a partire dalla scuola, in tutti i luoghi in cui si formano le coscienze dei cittadini e delle cittadine”.

Il 25 novembre, giornata mondiale della lotta contro la violenza sulle donne, come tutte le città del mondo, anche Catania ha fatto sentire la sua voce contro la violenza, tutta la violenza , anche quella che talora si ammanta delle vesti dell’oblio e diventa cancellazione, ostracismo, silenzio, esclusione.

Voltapagina, Goliarda Sapienza, FemminicidioAncora ignorata dalla toponomastica catanese è Goliarda Sapienza , catanese illustre, scrittrice e attrice conosciuta in tutto il mondo ma non a Catania che fino ad ora non le ha dedicato nemmeno un vicolo.
Per rinfrescare la memoria dei catanesi e delle autorità comunali, le donne delle associazioni Le voltapagina e Se non ora quando-Catania hanno deciso così di porre una targa stradale e dedicarle la piazza delle belle che da ora sarà piazza Goliarda Sapienza.

La tappa successiva è stata piazza Stesicoro dove tante sigle si sono unite per dire No alla violenza contro le donne.

Volatapagina, femminicidioAnche quest’anno la giornata del 25 è stata, infatti, caratterizzata dall’unità delle associazioni di donne e uomini. Ognuna con il suo intervento, il suo reading, la sua performance ma insieme. Eccole: Anpi, Sen (Associazione Stefania Noce), Thamaia, Arcigay Catania QueeRevolution, Le Voltapagina, Snoq Senonoraquando- Catania, Sham officine, Rete antirazzista catanese, la Ragna Tela: rete catanese di donne e di uomini perché ogni violenza sessista abbia fine – composta dalle seguenti associazioni: La Città Felice, Area Kerè, Lila, Olga Benario, Penelope, Anpi, Akkuaria, Centro Koros, Cobas scuola, Rete antirazzista catanese, Centro Astalli, La Locanda del passeggero, Sunia, Lab3P-Progettazione e Processi, GAPA, Coopperativa sociale futuro prossimo, Open mind GLBT, Udi, Amnesty international gruppo 72 Catania, Associazione antimafia Rita Atria, Casablanca.

Oblio, dunque, silenzio, esclusione, dicevamo. Così Le Voltapagina hanno scelto quest’anno non la violenza fisica ma la Cancellazione come violenza, e hanno acceso i riflettori sulle vite e sulle attività di tante donne, disegnandone i profili nelle pagine di un libro ideale. Tante pagine-cartello quanti i “nomi – dice Sara Catania Fichera – di donne che hanno inventato, scoperto, progettato, scritto, contribuendo a modificare le nostre vite attraverso le loro opere o il loro lavoro, donne che non sono ancora riconosciute dalla storia ufficiale se non, a volte, solo in modo marginale”.
Sapevate che è stata una donna a inventare la lavastoviglie, il tergicristalli, il Voltapagina -Femminicidioprimo reggiseno, la scala antincendio, la zattera di salvataggio, la siringa, il distillatore di acqua salata, le lenti antiriflesso?

“Ebbene, noi vogliamo dare visibilità a queste donne nella toponomastica delle città e nei libri di storia. Siamo convinte che per risolvere il problema del femminicidio sia indispensabile un lavoro culturale di lunga durata, capace di costruire una società in cui ciascuna persona abbia pari valore e dignità, a prescindere e oltre l’identità di genere e l’orientamento sessuale”.

Si è snodata la serata, graziata da un clima abbastanza mite e dall’assenza della pioggia annunciata dal meteo. L’associazione che porta il nome di Stefania Noce ha ospitato Silvia Giuffrida, una giovane donna, vittima di violenza, che ha avuto il coraggio di denunciare.
«Io invito tutte, qualunque  sia la loro situazione, – ha detto – ad avere la forza di denunciare; a non vergognarsi e a rivolgersi subito alle autorità e ai centri.  Io vivo ancora nella paura perché lui mi ha avvertita che non sarei mai arrivata a vedere la fine di tutto. Ma non mi importa. So solo che io oggi non ho più lividi ma le mie ferite dentro rimangono».

Un auspicio e una speranza nel balletto di Arcigay in cui un uomo libera una donna bendata e incatenata ad una sedia.
Commovente l’intervento di alcune madri di migranti dispersi, arrivate con la Carovana per i diritti dei migranti partita da Lampedusa e in cammino per l’Italia negli stessi giorni in cui in tutto il CentroAmerica si snoda una straordinaria marcia di donne, madri, mogli e sorelle, in cerca dei parenti migranti desaparecidos.

Voltapagina -FemminicidioTante le altre iniziative della giornata: dalle scarpette rosse poste sul selciato di piazza Università dai ragazzi del liceo artistico Greco, al lenzuolo bianco esposto dai balconi della Uil, in via di Sangiuliano. A palazzo Platamone il convegno “Fare rete contro la violenza sulle donne”, organizzato dall’associazione Thamaia Onlus e dal Comune di Catania, e che ha coinvolto la Rete Antiviolenza del Distretto SocioSanitario D16. Al convegno, moderato dalla docente di diritto penale Delia La Rocca, hanno preso parte il sindaco Bianco, il Procuratore Salvi, l’avvocata Loredana Piazza , presidente dell’Associazione Thamaia Onlus.
Ancora un intervento istituzionale in Consiglio comunale: la presidente Francesca Raciti ha ricordato come con una delibera di giunta, l’amministrazione catanese abbia deciso di costituirsi parte civile nei processi per femminicidio e per atti di violenza.

In serata l’evento “Contro il Vento della Violenza” organizzato da Demetra Onlus, associazione no profit da anni impegnata in Italia e all’estero contro il fenomeno della violenza di genere e tutte le forme di sfruttamento ai danni dei minori. Una serata di beneficenza al Teatro Massimo Bellini, presentata dal giornalista Salvo La Rosa,con la partecipazione di Arisa, Marella Ferrera, Matilde d’Errico, Lucia Sardo.

E infine anche alcuni esercizi commerciali hanno aderito alla campagna Ferma il femminicidio: Ikea come La Rinascente, le librerie Cavallotto, Feltrinelli e Voltapagina e tanti altri ancora.

Foto di Antonia Cosentino e Carla Puglisi

Be Sociable, Share!

Tags:


One Response to “Catania contro la violenza sulle donne”

  1. La Ragna-Tela ringrazia la Redazione di Argo per il dettagliato articolo sulle manifestazioni avvenute a Catania il 25 novembre. Siamo concordi con la redazione sia sulla sottolineatura dell’”unità delle associazioni di donne e uomini” che hanno dato vita all’evento del pomeriggio in Piazza Stesicoro, sia con quella relativa alla “cancellazione come violenza”. Queste sottolineature tuttavia ci spingono ad interagire con questo blog e a sottolineare alcuni momenti altrettanto importanti che invece sono stati “cancellati”. Ricordiamo la splendida performance “Ferite a morte”, tratta dall’omonimo libro di Serena Dandini, di Carmina Daniele e Chetty Governale della Ragna-Tela, che ha riempito la piazza e ci ha commosse. Ricordiamo anche l’esclusiva mostra sul femminismo degli anni ’80 dello scorso secolo, delle amiche della Ragna-Tela. Ringraziamo infine Anna Di Salvo (Ragna-Tela), la Rete antirazzista catanese e l’UDI Catania, per averci regalato dei momenti di grande emozione nell’incontro che, grazie a loro, è avvenuto nella Piazza con alcune “Madri di Ciutad Juàrez” facenti parte della carovana itinerante “Caravana de Madres Centroamericanas buscando a sus migrantes desaparesidos”.
    Mirella Clausi
    La Ragna-Tela

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>