Giuseppe FavaQuanto vale la vita di un uomo in questo paese”? Se lo chiede -con incredibile valenza profetica – un personaggio de “La violenza”, opera teatrale scritta da Giuseppe Fava 15 anni prima di essere ucciso dalla mafia.

Ad interrogarsi è una contadina analfabeta, madre di un giovane maestro delle scuole rurali, poi divenuto sindacalista, ucciso perchè aveva avuto il coraggio di

lottare in difesa dei diritti dei contadini, senza piegarsi a compromessi e a tentativi di corruzione.

L’orgoglio di avere un figlio maestro, che sapeva parlare alle migliaia di persone che seguivano i suoi comizi, si trasforma nello strazio di una madre a cui non è concesso nemmeno di lavare il sangue dal volto del proprio ragazzo morto, di accarezzare per l’ultima volta i suoi capelli.

Questa donna semplice e ignorante è consapevole che il figlio ha lottato per tutti coloro che soffrono ingiustizia e sopraffazione. Si rende conto che la sua voce doveva essere spenta perchè scomoda e pericolosa, come quella dello stesso Fava, messo a tacere da cinque proiettili sparati la sera del 5 gennaio 1984.

Riproponiamo oggi, giorno anniversario della morte di Fava, uno stralcio dello spettacolo realizzato nel 2010 dalla compagnia calabrese Carro di Tespi.

Be Sociable, Share!

Tags: ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>