Ogni immigrato che giunge in Europa ha diritto a chiedere protezione, tocca allo stato in cui arriva verificare, in tempi brevi, se esistono o meno le condizioni per la concessione dell’asilo e decidere di conseguenza.

Per trenta uomini e una donna, provenienti da varie parti dell’Africa, partiti in barca da Tripoli e sbarcati a Catania, non si è rispettata neanche questa discutibile procedura, che discrimina tra persone che comunque fuggono da guerre, fame, miseria.

A Catania, giovedì 1 ottobre, senza verificare una per una le diverse situazioni, si è scelta la strada dell’espulsione collettiva.

Non basta. I 31, nonostante il maltempo e la pioggia incessante, sono stati letteralmente abbandonati al di fuori del Palaspedini. Forse qualcuno avrà pensato che, indossando gli immigrati abiti leggeri e calzando scarpe aperte, la pioggia sarebbe naturalmente scivolata via.

Questa assurda e vergognosa situazione è stata modificata solo in seguito all’intervento di volontari della Rete Antirazzista Catanese.

I migranti sono stati accompagnati presso la sede dei Cavalieri della Mercede, dove hanno potuto mangiare e cambiarsi di abito.

Nei prossimi giorni la Rete li metterà in contatto con alcuni legali catanesi in modo che possano contestare il provvedimento e venga a loro garantito l’esercizio dei diritti.

Questi i fatti. Le storie raccontate dai migranti sono quelle che tutti conosciamo: la disperazione che si traduce in fuga e costringe a mettere il proprio destino nelle mani dei mercanti di uomini.

Catania ‘Città dell’accoglienza’ ha fallito ancora una volta. Eppure, non sarebbe particolarmente difficile, né particolarmente costoso, dimostrare maggiore umanità.

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


One Response to “Migrando sotto la pioggia”

  1. Ma cosa scrivete? I CLANDESTINI si rimpatriano. Punto. In nessun paese al mondo trattengono gli ILLEGALI. L’Africa sta morendo di fame e un domani non avranno neppure l’acqua…….. Che facciamo, ce li prendiamo tutti? Vi ricordo che gli africani saranno 5 miliardi entro il 2060…….. Ma pensate piuttosto ai problemi della Sicilia e dei siciliani, che è una delle regioni più povere e arretrate d’Europa……. Altro che salvare l’Africa, prima salvate la Sicilia che ne avete urgente bisogno.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>