San Berillo, scuola edile, IPMVia Caramba e via De Pasquale, stiamo parlando del quartiere di San Berillo, saranno chiuse al traffico, sia pedonale che automobilistico, mediante l’installazione di reti elettrosaldate, che ne occluderanno totalmente l’accesso.

Il Comitato Cittadini Attivi di San Berillo, che da anni sta sviluppando, con successo, un progetto di inclusione sociale, decoro e dignità attraverso la promozione di iniziative che, senza produrre ulteriore emarginazione, stanno aprendo il quartiere alla Città, di fronte a un tale provvedimento esprime, giustamente, significativi motivi di preoccupazione.

Nel metodo, innanzitutto. Perché, diversamente da altre occasioni, in questo caso l’assessore all’urbanistica e al decoro, Salvo Di Salvo, non ha ritenuto utile, prima della decisione, confrontarsi con gli abitanti, non convocando neanche una riunione della Fabbrica del Decoro della quale, peraltro, fa parte anche il Comitato.

E nel merito. E’, infatti, del tutto evidente che le due vie totalmente chiuse diventeranno, progressivamente, e senza che nessuno possa intervenire, due discariche a cielo aperto, con le conseguenze che tutti, ma non, evidentemente, l’assessore in questione e i tecnici che hanno progettato l’intervento, possono comprendere.

san BerilloVa precisato che non si discute sulla necessità di garantire sicurezza e incolumità, ma questi giusti obiettivi (che dovrebbero essere rispettati sempre e in tutte le zone della Città) si possono raggiungere anche con altre soluzioni, basta volerle.

In questo caso, per esempio, il Comitato, in alternativa, “sentito il parere di tecnici professionisti, [propone] la realizzazione di una struttura metallica, dotata di parapetto antiintrusione sulle parti sommitali”.

Inoltre, sottolinea sempre il Comitato “in Via Caramba lavorano numerose sex workers che con la chiusura perderebbero il loro lavoro. Il comitato fa dell’inclusione sociale la sua bandiera e questa cosa è nota a tutti. In linea con le precedenti amministrazioni anche questa vuole far diventare San Berillo un corpo estraneo alla città, un bubbone da estirpare e come in passato si preferisce chiudere piuttosto che aprire i suoi spazi”.

In sostanza, la preoccupazione è quella che questo intervento, apparentemente dettato esclusivamente dall’urgenza, rappresenti l’avvio di un processo di “normalizzazione”. Per essere più espliciti, da quando il quartiere (in seguito ai numerosi interventi delle forze dell’ordine) ha perso le sue caratteristiche di “zona a luci rosse” per eccellenza, all’interno sono rimaste poche sex workers e sono arrivati molti extracomunitari, dando vita a una difficile convivenza, senza che nessuna amministrazione (né quelle precedenti, né l’attuale) abbia ritenuto necessario intervenire.

Forse, con l’obiettivo di far crescere a tal punto il degrado da poter “rifondare” la zona, magari trovando le scappatoie necessarie per procedere a nuove, e ben remunerative, edificazioni.

Solo l’attività di gruppi di volontari (prima la LILA, poi il Comitato Babilonia e, oggi, il Comitato San Berillo) ha evitato che il degrado raggiungesse livelli insopportabili. In particolare, il Comitato Cittadini Attivi di San Berillo sta riuscendo, anche, a costruire rapporti di “buon vicinato” fra tutti i soggetti presenti nel quartiere, attraverso una serie continua di iniziative (conosciute, e apprezzate, addirittura a livello nazionale) che mette concretamente in pratica quelle politiche di integrazione che tanti altri si limitano a declamare retoricamente.

Che ci siano, anche, questi motivi di preoccupazione lo sottolinea sempre il Comitato, secondo cui, “la chiusura di via De Pasquale risponde alle esigenze di chi vuole costruire delle barriere fisiche tra la Via delle Belle (ora Piazzetta Goliarda Sapienza) oggetto di interventi di abbellimento da parte dell’Accademia di Belle Arti e il resto del quartiere, nuove divisioni tra la “Catania bene e visibile” e quella che non si deve vedere”.

In una Città dove un gestore di discoteca (e lo diciamo al di là dei problemi giudiziari, che, in un paese normale, avrebbero dovuto rendere impensabile/improponibile il tutto) può interloquire con l’amministrazione comunale facendosi promotore di un’improbabile via degli artisti, non ci sorprende che chi lavora “senza scopi di lucro” sia ritenuto, dalla stessa amministrazione, un soggetto poco interessante, con il quale, eventualmente, interloquire solo quando se ne può ricavare una qualche utilità.

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


One Response to “Chiude San Berillo?”

  1. Comitato Cittadino Porto del Sole
    ottobre 24th, 2015 at 20:23

    Cosa non aspettarci ancora dal sindaco Bianco sulla urbanistica da far risorgere che lui ha promesso in campagna elettorale?

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>