In un’Europa ancora scossa dagli attentati di Parigi, tra reazioni a caldo più o meno stereotipate e moralismi più o meno opportuni, ci si trova inevitabilmente a riflettere sullo stato del processo d’integrazione. Più integrazione o meno integrazione? Più barriere o meno barriere? Un dibattito che, più che scendere nel concreto, si nutre di dichiarazioni d’intenti e teorie socio-politiche.

Oggi noi di Argo vogliamo un po’ cambiare rotta e raccontarvi un’esperienza del catanese che, seppur lontana e microscopica rispetto a tali eventi, assume un fondamentale valore, non solo simbolico, rispetto alla questione dell’integrazione.

Vi abbiamo già parlato più volte del lavoro di Mani Tese a Monte Po, una delle esperienze più significative di riqualificazione del territorio e riscatto sociale presenti nella nostra città.

Proprio qui, nel campetto che negli anni i ragazzi liberi di Monte Po hanno ristrutturato e riconsegnato alla cittadinanza, mercoledì scorso si è disputato un torneo di calcio tra i ragazzi del quartiere e un gruppo di “minori non accompagnati” provenienti da Nigeria, Gambia e Senegal (accolti presso l’IPAB “Santa Maria del Lume”).

Si gioca a squadre miste per volontà degli stessi ragazzi e loro si sforzano di comunicare, con un mix tra inglese e siciliano: “What is my squadra?”, “Eyes!” (Occhiu!), “Three goal in one partita, I’m a monster!”, “‘Mbare, change!”.

“I ragazzi si erano già incontrati e conosciuti la settimana scorsa giocando a squadre fisse, Monte Po contro Africa United – ci racconta Lorenzo, uno dei volontari più attivi di Mani Tese – Poi al termine della partita è scattata l’idea di organizzare un torneo la settimana successiva a squadre miste”.

Ci racconta anche che i ragazzi hanno insistito per far visitare ai loro nuovi amici il Monte, dal quale si può godere di una meravigliosa vista di tutta la città etnea, e una postazione tedesca risalente al secondo dopoguerra chiamata “bocca di balena”, che si trova nelle vicinanze.

Non solo l’idea di non creare barriere e distinzioni, ma anche di “aprire” il territorio all’accoglienza, all’integrazione e al multiculturalismo.

Nella mattina di mercoledì è stato inoltre organizzato un incontro tra i “minori non accompagnati” e gli studenti dell’Istituto Alberghiero di Monte Po, curato anch’esso da Mani Tese e dall’IPAB “Santa Maria del Lume”. “Un incontro molto informale, al quale ne seguiranno altri” – ci spiega Tiziana, altra volontaria di Mani Tese – “in cui i ragazzi sono stati lasciati liberi di interagire e conoscersi senza troppi formalismi”. “L’obiettivo è quello di sensibilizzare i giovani, ma anche le scuole, al tema dell’integrazione e del multiculturalismo”, aggiunge.

Poco prima dell’inizio del torneo, i ragazzi liberi di Monte Po e i ragazzi africani piantano insieme un albero di limoni (l’“albero della pace”, così lo chiamano i ragazzi e i volontari) nello spiazzo di fronte al campo.

Nel pieno sud Europa, in una delle zone più problematiche di Catania, vengono posti i semi di un mondo diverso, una reazione spontanea e costruttiva al sangue sparso negli ultimi mesi, una lezione di civiltà. È proprio da queste piccole esperienze che bisogna ripartire per ricostruire il senso dell’Europa, noi cittadini possiamo fare molto. Chapeau, Monte Po!

Be Sociable, Share!

Tags: , , , ,


2 Responses to “‘Mbare, change!’. A Monte Po l’integrazione si fa in un campo di calcio”

  1. I bimbi sempre i migliori …lo sport il miglior modo di socializzare …

  2. Bravi! andate avanti..

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>