Nun c’è ventu, nun c’è acqua, nè bufera nè timpesta
casca u munnu ma a Fribbraiu a Catania si fa festa.
Si fa festa alla Patruna di Catania, virginedda…
marturiata finu a morti, sposa a Diu, nobili e bedda.
Fu Quinzianu, pritinnenti, ca ppi raggia e ppi dispettu
ordinò senza pietà di scipparicci lu pettu.
Alla morti di la Santa la città si ‘nginucchiava
e lu focu di la lava antrasatta s’arristava.
E accussì, annu ppi annu, nun c’è ventu nè timpesta
in unuri di la Santa a Catania si fa festa.
Tutti appressu all
a Santuzza, Prisidenti, Cardinali…
Acchianata San Giulianu, Culliggiati, Cattittrali…
la Carrozza ddo Sinatu ccu li primi cittadini
Cannalori ca’ annacata…Quattru canti …i Cappuccini…
Li divoti tutti a fila… giuvineddi, nichi e granni
ca trascinunu la vara… e t’arrizzunu li carni.
Ccu li sacchi janchi janchi tira tira lu curduni
c’è cu ‘nvoca la Santuzza… c’è cu preja a ginucchiuni.
E lu coru li suori… e lu Duomu…e li cantati…
e li viali… e li traversi… comu stiddi alluminati.
Bancarelli ccu turruni, cosi duci, cassateddi…
appustati strati strati, gnuni, viculi e vaneddi.
Ogni annu è tradizioni, nun spiatini pirchì …
la sparata di li bummi chiazza Burgu… e a sira o trì
Nun c’è ventu, nun c’è acqua, nè bufera, nè timpesta
casca u munnu ma Catania a Frivaru si fa festa.
Lu splinnuri di la Santa, l’emozioni di li genti
comu n’ecu ca cuntaggia tutti i cincu cuntinenti.
Emigranti di luntanu… janchi, niuri, longhi e curti
arrispunnunu cchiù forti….semu tutti divoti tutti…
Ma ‘na vuci… tra la fudda… si fa largu e acchiana jauta…
E’ la vuci di Catania: Cittadiniiiiii…. Evviva Sant’Aita!

C’è tutta la festa in questi versi, il martirio di Agata, il suo ruolo di protettrice della città, la ‘vara’, i devoti vestiti di bianco, i fuochi d’artificio e i momenti cruciali della processione, i dolci tipici e la partecipazione emotiva di giovani, bambini e adulti.

I versi sono tratti da una raccolta di poesie siciliane della catanese Francesca Privitera, pittrice e scultrice oltre che poetessa in dialetto e in lingua. Il volume, “Cchiù luntanu di ‘na stidda”,  è edito da Radiusu Edizioni.

Una traduzione in italiano, di Santo Privitera, a questo link

 

Be Sociable, Share!

Tags: ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>