Gabriele CentineoA Gabriele Centineo avrebbe fatto piacere sapere che la cerimonia organizzata per ricordarlo avrebbe avuto inizio con le note della Marsigliese.

E che il grande saluto collettivo di parenti e amici sarebbe avvenuto nel cortile della CGIL, confederazione in cui si è speso per tanti anni.

I ricordi emersi durante gli interventi hanno restituito un caleidoscopio di umanità e di politica straordinariamente ricco.

I Familiari hanno rievocato la sua naturale tenerezza, gli Amici la sua versatile gentilezza, i Compagni la sua intransigenza politica anche rude e, a volte, sprezzante.

Gabriele CentineoTutto nel segno di una personalità poliedrica accompagnata da una intelligenza sociale capace di cogliere il nesso tra bisogni umani ed azioni politiche.

C’è un motivo per cui, a ricordarlo, c’erano soprattutto i ‘compagni’ di tante battaglie, Gabriele aveva scelto consapevolmente – per tutta la vita – di non intraprendere una ‘carriera’ politica.

E nemmeno una carriera universitaria.

Nessun protagonismo, no ai canoni dell’opportunismo corrente. Solo la volontà di costruire un mondo più giusto, portandovi il suo radicalismo talora settario e la sua infinita generosità.

Leggi l’intervento a lui dedicato da Antonia Cosentino

Be Sociable, Share!

Tags: ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>