bambini COBASQuando la testa del corteo aveva lasciato da circa tre ore piazza Esedra c’erano ancora manifestanti in attesa di partire. Stiamo parlando della manifestazione antirazzista e contro il governo di sabato 10 novembre, a Roma.

Decine di migliaia di persone che, alla fine, hanno riempito piazza San Giovanni, storica meta conclusiva delle manifestazioni nazionali più numerose.

Macerata, caso Diciotti, Lodi, Riace: ancora una volta una parte significativa del popolo italiano ha confermato la propria irriducibile opposizione a qualsiasi forma di razzismo.

E lo ha fatto con un corteo solidale (i promotori si sono definiti Indivisibili), chiaro nelle parole d’ordine, ma anche gioioso.

Tantissimi i migranti, spesso intere famiglie, ma, soprattutto,colpiva la capacità camminare insieme, di mescolarsi, al di là degli striscioni presenti.

E colpiva la spontaneità della manifestazione. Al di là degli oltre 150 autobus organizzati, infatti, moltissimi, come era avvenuto nelle altre manifestazioni citate, sono arrivati a Roma autonomamente.

manifestanti contro Decreto Salvini a RomaNon a caso la mobilitazione è stata promossa da più di 450 organizzazioni nazionali e locali.

Certo Cobas, centri sociali, associazioni come Baobab e altri hanno lavorato alacremente per la riuscita, ma solo la partecipazione autorganizzata ha permesso di raggiungere numeri così importanti.

Il che è avvenuto anche a Catania, dove alla nutrita delegazione, frutto soprattutto del lavoro di Rete Antirazzista, Africa unita, Cobas e Rifondazione Comunista,si è aggiunta la presenza di tanti giunti individualmente nella capitale

Così come non hanno fatto demordere i manifestanti neanche i “capillari” controlli operati dalla polizia su tutti gli autobus (con modalità discutibili in uno stato nel quale è garantita la libertà di espressione) che ne hanno ritardato l’arrivo.

Attenzione e solidarietà particolare, nel corteo, per Riace, con Mimmo Lucano abbracciato e sostenuto da tutti i partecipanti.

Non solo per ciò che ha rappresentato, e rappresenta, l’esperienza calabra, ma anche perché Mimmo è consapevole che non c’è bisogno di leader, magari appetibili mediaticamente, ma di un lavoro e un movimento collettivo.

Dopo il successo, tocca ora agli “Indivisibili” capire come proseguire per cambiare le politiche del governo Di Maio-Salvini e modificare gli orientamenti sostanzialmente xenofobi di una parte significativa del popolo italiano.

Consapevoli che fare accordi con la Libia (Minniti) e chiudere i porti (Salvini) rappresentano due facce della medesima medaglia.
galleria

Be Sociable, Share!

Tags: , , , ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>