Italia dentro l'Africa - di Briatore“Questo salvataggio è l’ennesima pagina di E-vangelo che viene scritta con l’inchiostro del cuore conforme a quello di Cristo”.

Corrado Lorefice, Arcivescovo di Palermo, ha indirizzato queste parole a Mediterranea Saving Humans dopo il salvataggio di un centinaio di migranti, tra cui 22 bambini sotto i dieci anni e 26 donne, da parte della nave Mare Jonio.

“Dio vi benedica – ha aggiunto Lorefice – Benedica quanti sono stati salvati dalle acque sfuggendo dall’oppressione dei dominatori di questo mondo”.

Il governo uscente, more solito, prova a bloccare i porti, innescando il solito, drammatico, braccio di ferro. Ancora una volta, si eccitano le peggiori pulsioni, giustificandole con l’idea dell’invasione e dei pericoli che correrebbe il nostro Paese.

Un’idea, purtroppo, condivisa da una fascia larga della popolazione, anche attraverso la condivisione di immagini come quella che ripubblichiamo, con la quale si vorrebbe dimostrare che l’Italia non potrebbe contenere tutta la popolazione africana, il che è inoppugnabile, peccato che, dati alla mano, non è vero che tutta la popolazione africana si sta trasferendo da noi.

Tra gli altri, questa ridicola tesi è stata sostenuta anche da Flavio Briatore, sui cui meriti intellettuali e scientifici avremmo qualche riserva.

Gli ha risposto magistralmente Emilio Mola:

Allora, gentile Flavio Briatore:

in Italia ci sono 60 milioni di persone.
Gli stranieri sono 5 milioni, cioè l’8,5% (in Spagna sono il 10%, in Germania il 9%, nel Regno Unito l’8%).
Non sono il 30%. Sono l’8,5%.
Quindi il 91,5% della popolazione che risiede in Italia, è italiana.

Uno dice: “Ah, pensavo di più. Mi avevano parlato di invasione, di emergenza. Comunque dai non sono nemmeno pochi 5 milioni di negr..” no aspé.

Aspé perché di questi 5 milioni di stranieri la metà, il 50%, viene dal continente europeo: Germania, Francia, Inghilterra, Spagna, Svizzera, Romania, Ucraina, Albania, Bulgaria, Polonia, Russia, Austria, Belgio, ecc.

Uno allora dice: “Ah. Col fatto che sono bianchi non me ne ero proprio accorto. Quindi gli africani sono 2 milioni e mezzo? Beh sono molti di meno di quanto mi avevano fatto capire Salvini e Rete4. Però dai è sempre fastidios…” no aspé.

Aspè perché da questi 2,5 milioni di stranieri che restano dobbiamo toglierne altri 600mila, tra americani e cinesi.

Restano quindi 2 milioni di stranieri che arrivano da Africa, Medio Oriente, India, Pakistan, Filippine, ecc. Quelli che insomma, nell’immaginario collettivo (e in gran parte nella realtà), sono arrivati o arrivano tutti coi barconi. E hanno quelle antiestetiche sfumature di nero.

Ecco loro sono il 4% della popolazione che attualmente si trova in Italia. E gli africani del suo disegnino?
Loro sono 1 milione e 96mila. Cioè la metà. Cioè il 2% della popolazione residente in Italia.

E i richiedenti asilo? Quelli sono 126mila. In Francia 90mila. In Germania 196mila. In Turchia 2,5 milioni. In Pakistan 1,6 milioni. In Libano 1 milione. Ecc.

Ora: assodato che la popolazione africana è in realtà appena un quinto di tutta la popolazione straniera presente in Italia. Ed è appena un cazzo di 2% di tutta la popolazione presente in Italia. Assodato che 2% non sembra in fondo tutta questa enormità.

Ci spiegherebbe il significato di quel disegnino? Sarà che vuole lasciar intendere che tutto il Continente Africano in Italia non ci sta, anche se qualcuno (magari i buonisti) lo vorrebbe tanto?

Se sì, ci spiega da dove le risulta che tutto il continente africano è in partenza per l’Italia? Deserti, giungle e savane inclusi, con i coccodrilli ed un orango tango, due piccoli serpenti e l’aquila reale, visto che ci sono – a titolo di esempio – 20 Stati africani che hanno in Italia meno di 600 persone ciascuno (dai 600 del Sud Africa agli 11 del Botswana), e che quindi non sembrano proprio così tanto intenzionati a invaderci, anche se lei li ha inclusi nel suo disegnino?

Ora, assodato tutto questo: l’idea che forse, ma forse, co sta storia dell’invasione, poco poco, si sta esagerando, vi passa per la mente o niente proprio?
Potremmo iniziare a occuparci anche dei 150 miliardi che fattura la mafia? O dei 120 miliardi di evasione fiscale? O della corruzione? O di tutti quegli altri cazzi tutti nostri che rimarranno anche quando l’ultimo africano sarà andato via?
No eh?

Be Sociable, Share!

Tags: ,


2 Responses to “Briatore e l’invasione che non c’è”

  1. I sudafricani in Italia sono circa 600 (seicento) mentre invece gli italiani in Sudafrica sono un po’ di più:
    “L’Anagrafe ufficiale italiana registra 28.059 Italiani residenti in Sudafrica nel 2007, escludendo i Sudafricani con doppia cittadinanza.”
    ” . . . . circa 110.000 Sudafricani hanno ascendenza italiana.”
    (da wikipedia alla voce “Italo-sudafricani”)

    Il Sudafrica ha 55milioni di abitanti

  2. …sapete come funziona la propaganda? facevano così pure nel medioevo, nella Germania nazista, nella Russia di Stalin, nell’America del Vietnam, ecc. ecc.
    La propaganda parla non alla mente con i ‘dati’ ma al cuore con le emozioni, e sappiamo quanto gli italiani hanno il cuore sensibile…

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>