Le associazioni che operano a Librino, e da anni chiedono all’Amministrazione comunale una sede in cui svolgere le proprie attività, dovranno rassegnarsi ad attendere ancora a lungo. L’obiettivo, anche quando sembra

Continua a leggere... Villa Fazio a Librino, come ‘privatizzare’ un bene pubblico

La parolina magica, fino ad ora ignorata, ha fatto per la prima volta capolino tra le righe, anche se sommersa nel mare di espressioni soddisfatte (e di prospettive, come vedremo, irrealistiche) con cui il presidente Musumeci ha

Continua a leggere... Nuovo palazzo di Giustizia, Catania non deve sapere

Il progetto vincitore del concorso bandito per i nuovi Uffici Giudiziari di viale Africa, presentato ufficialmente ieri mattina, a giudicare dal rendering, appare arioso, lineare, aperto. Questo non fuga, tuttavia, i dubbi né sulla legittimità delle

Continua a leggere... Nuovi Uffici Giudiziari, i dubbi sul sottodimensionamento dell’opera

Un protocollo d’accoglienza che definisca i diritti di donne e uomini vittime del disagio sociale e abitativo. E che riguardi tutti, donne e uomini, bianchi e neri, italiani e stranieri. Lo chiedono al sindaco Salvo Pogliese e a Giuseppe Lombardo, assessore ai

Continua a leggere... Disagio abitativo, quattro domande al sindaco

3 ore, 3 ore e 14 minuti per andare da Catania a Palermo in treno. Eppure li chiamano treni veloci regionali. Per fare un solo esempio, per andare da Bologna a Roma (il percorso è quasi il doppio) occorrono circa 2 ore e venti minuti. Ancora una volta, il Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer (Comitato […]

Continua a leggere... Treni veloci in Sicilia, un ossimoro isolano

Un organo consultivo dell’Amministrazione e un regolamento che stabilisce chi può farne parte: “di diritto i membri interni (il Sindaco o l’Assessore delegato; l’Avvocato Capo e il Segretario Generale) ed i membri esterni nominati dal capo dell’Amministrazione in numero di sei”. Il sindaco li sceglie su base fiduciaria e può in ogni momento revocare la […]

Continua a leggere... Comune di Catania, il dissesto non blocca le nomine

del 21 June 2020 (di )

Una città pulita, ordinata, con le aiuole curate e un evidente rispetto delle regole. Così vorremmo Catania, non con le auto parcheggiate in seconda o in terza fila, gli spazi attorno ai cassonetti trasformati in discariche, bottiglie e cartacce buttate in ogni angolo, pacchetti di

Continua a leggere... Ordine e decoro a Catania

La costruzione di un palazzo di giustizia a Catania sembra sottostare ad un qualche strano sortilegio. Per quello attualmente in servizio in piazza Verga ci sono voluti ‘solo’ 16 anni (dal 1937 al 1953), ma quello prossimo venturo ha già

Continua a leggere... Nuovi Uffici Giudiziari, il progetto di ristrutturazione che pagheremo a vuoto

Una “legge truffa” con forti profili di incostituzionalità e alcuni contenuti particolarmente pericolosi. In questi termini Enrico Giannitrapani, referente per la Sicilia nel consiglio direttivo della

Continua a leggere... Sicilia, una legge che minaccia beni culturali e paesaggio

E’ di qualche mese fa (7 novembre 2019) la prima udienza, presso il tribunale di Caltanissetta, del processo relativo all’illecito smaltimento di rifiuti pericolosi e nocivi e alla mancata bonifica ambientale relativa al sito minerario di

Continua a leggere... Bosco Palo, da miniera a discarica di rifiuti tossici