3 ore, 3 ore e 14 minuti per andare da Catania a Palermo in treno. Eppure li chiamano treni veloci regionali. Per fare un solo esempio, per andare da Bologna a Roma (il percorso è quasi il doppio) occorrono circa 2 ore e venti minuti. Ancora una volta, il Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer (Comitato […]

Continua a leggere... Treni veloci in Sicilia, un ossimoro isolano

Un organo consultivo dell’Amministrazione e un regolamento che stabilisce chi può farne parte: “di diritto i membri interni (il Sindaco o l’Assessore delegato; l’Avvocato Capo e il Segretario Generale) ed i membri esterni nominati dal capo dell’Amministrazione in numero di sei”. Il sindaco li sceglie su base fiduciaria e può in ogni momento revocare la […]

Continua a leggere... Comune di Catania, il dissesto non blocca le nomine

del 21 June 2020 (di )

Una città pulita, ordinata, con le aiuole curate e un evidente rispetto delle regole. Così vorremmo Catania, non con le auto parcheggiate in seconda o in terza fila, gli spazi attorno ai cassonetti trasformati in discariche, bottiglie e cartacce buttate in ogni angolo, pacchetti di

Continua a leggere... Ordine e decoro a Catania

La costruzione di un palazzo di giustizia a Catania sembra sottostare ad un qualche strano sortilegio. Per quello attualmente in servizio in piazza Verga ci sono voluti ‘solo’ 16 anni (dal 1937 al 1953), ma quello prossimo venturo ha già

Continua a leggere... Nuovi Uffici Giudiziari, il progetto di ristrutturazione che pagheremo a vuoto

Una “legge truffa” con forti profili di incostituzionalità e alcuni contenuti particolarmente pericolosi. In questi termini Enrico Giannitrapani, referente per la Sicilia nel consiglio direttivo della

Continua a leggere... Sicilia, una legge che minaccia beni culturali e paesaggio

E’ di qualche mese fa (7 novembre 2019) la prima udienza, presso il tribunale di Caltanissetta, del processo relativo all’illecito smaltimento di rifiuti pericolosi e nocivi e alla mancata bonifica ambientale relativa al sito minerario di

Continua a leggere... Bosco Palo, da miniera a discarica di rifiuti tossici

Un campus universitario, un’area museale, una struttura dedicata al Covid 19. Sindaci, governatori, assessori propongono, a giorni alterni, brillanti soluzioni per l’utilizzo dell’ex Vittorio Emanuele, nel frattempo abbandonato all’incuria e al vandalismo. Eppure la

Continua a leggere... Ex Vittorio Emanuele, come sprecare uno spazio pubblico

Del recupero del palazzo di cemento a Librino si sono riempiti la bocca amministratori della Giunta presente e passata. Ci hanno detto: i soldi ci sono, lo sgombero è avvenuto, niente più droga e spaccio, armi e spazzatura. Quando finalmente i lavori sono

Continua a leggere... Una nuova vita per il palazzo di cemento

Da qualche tempo, a Catania, l’Ufficio Urbanistica rilascia permessi di costruire a privati che intendono realizzare strutture commerciali o altre utilità private in aree destinate dal Piano Regolatore a servizi pubblici. Più di trenta associazioni e quasi cinquecento cittadine/i, in pochi giorni, hanno sottoscritto una

Continua a leggere... Lettera aperta al Sindaco di Catania: gli interessi privati non prevalgano sui diritti dei cittadini

23 nuove Posizioni Organizzative (P.O.) sono state istituite dalla Città Metropolitana di Catania, che ha preso il posto della Provincia ormai soppressa. Vengono, cioè, previsti 23 Dirigenti intermedi per fare fronte agli impegni istituzionali, vale a dire impiegati con retribuzioni maggiorate che possano

Continua a leggere... Paradossi della Città Metropolitana, più dirigenti intermedi ma meno risorse e servizi