Non proprio un bagno di folla per il Giro d’Italia a Catania. A piazza Cavour (Borgo) pochi appassionati/tifosi e molti contestatori. Almeno 200, questi ultimi, che hanno manifestato contro la decisione degli organizzatori di

Continua a leggere... Non pedalare per i crimini israeliani # cambia giro!

Studiosi del Medio Oriente appartenenti a varie discipline parteciperanno a due giornate di studio internazionali dedicate a Giulio Regeni. Non solo un omaggio alla memoria del giovane dottorando ucciso al Cairo nel 2016, ma un tentativo di

Continua a leggere... Anche a Catania la ricerca prende la parola per Giulio Regeni

del 28 aprile 2018 (di )

Mancano ormai pochi giorni, il quattro maggio inizierà la più attesa delle corse ciclistiche della nuova stagione, il Giro d’Italia, vera festa popolare ed uno dei pochi avvenimenti che riescano a compattare lo spirito nazionale. Se infatti il campionato di calcio divide, il Giro unisce i tifosi di tutti i

Continua a leggere... Il Giro giusto

Il governo israeliano sempre più frequentemente suggerisce ai suoi ambasciatori negli stati occidentali di sostenere le idee israeliane sulla gestione dei territori palestinesi facendo leva, in modo più o meno scoperto, sui contenuti della Bibbia. Molti diplomatici vengono invitati a

Continua a leggere... Israele e la ‘Terra promessa’

del 14 aprile 2018 (di )

Tremila sono le notti che una giovane insegnante palestinese trascorre nelle carceri israeliane, dopo essere stata arrestata, ingiustamente accusata e condannata a otto anni di detenzione. Quando la donna scopre di essere incinta, la direttrice del carcere cerca di convincerla ad abortire e a spiare le

Continua a leggere... Le 3000 notti raccontate da Mai Masri

del 12 aprile 2018 (di )

“Come è possibile che sparare su una manifestazione sia legale o morale?” Lo chiedeva sei anni fa, ai suoi superiori, Shai, un ex sergente israeliano che aveva prestato servizio a Gaza. Non ha avuto risposta. E purtroppo la domanda è ancora molto

Continua a leggere... Gaza, tiro al bersaglio

Da un lato la “marcia del ritorno” del popolo palestinese che toccherà tutti i territori sotto occupazione israeliana da oltre cinquanta anni, che è costata il 30 marzo 16 morti e il ferimento di migliaia di palestinesi, sotto il fuoco dell’esercito israeliano. Dall’altro un evento sportivo, il Giro di Italia, una delle corse ciclistiche più […]

Continua a leggere... Il ciclismo non discrimina, il Giro di Italia non parta da Gerusalemme

Coloro che hanno a cuore le sorti della Palestina sono già a conoscenza delle clamorose violazioni dei diritti umani da parte del governo israeliano, che ha instaurato un vero e proprio regime di “apartheid” a danno dei Palestinesi, con normative discriminatorie, che opprimono la

Continua a leggere... Hebron, apartheid in Palestina

del 28 febbraio 2018 (di )

Una strada vuota, senza più negozietti, senza abitazioni, senza bambini, senza più gente. Solo giovanissimi soldati a guardia del nulla, e i “turisti”, pellegrini di pace ai quali – per salvare l’apparenza nei confronti del mondo – non può essere vietato l’accesso. E’ quanto si può

Continua a leggere... Palestina, Hebron città fantasma

La Palestina torna a bruciare, sono esplosi i ‘giorni della collera‘ dopo l’annuncio dell’amministrazione Trump di voler riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Si torna a parlare di morti e feriti, di razzi e raid aerei, e dietro il racconto dei fatti di cronaca riemergere la tentazione di presentare israeliani e palestinesi come due popoli […]

Continua a leggere... Questione palestinese, una lettura non convenzionale