del 22 febbraio 2013 (di )

Catania Città Aperta – Laboratorio per cambiare si era ‘presentata’, in un’affollata assemblea di febbraio 2012, con l’obiettivo di stimolare una riflessione sui problemi della Città, incentivare i processi di partecipazione e individuare modalità di intervento in grado di rivitalizzare, a partire dalla condivisione dei

Continua a leggere... Catania Città Aperta, obiettivi o chimere?

del 21 novembre 2012 (di )

Aspettando un loculo. Anche per anni. No, non è una pièce del teatro dell’assurdo ma una tragica realtà. Nel deposito del cimitero monumentale di Messina più di quattrocento bare e altrettanti defunti attendono sepoltura. A denunciare il singolare sovraffollamento è stato Libero Gioveni, consigliere della terza circoscrizione, ma la notizia è stata subito ripresa anche […]

Continua a leggere... 400 bare in lista d’attesa

Il business avanza, il festival arretra, la frontiera si sposta, si avvicina sempre di più, incombe. Almeno quella tra il ristorante la Cialoma e lo schermo sul quale si proiettano i film. E’ stato preso d’assedio ancora una volta il piccolo borgo di Marzamemi dal nome dolce come il marzapane col quale condivide le prime […]

Continua a leggere... Marzamemi e il festival, un pub senza frontiere

del 18 giugno 2011 (di )

Ciechi per vedere meglio. Ciechi per vedere altro. Per eliminare, non considerandole, le “scorie e i frammenti” dei quali è riempito l’intervallo tra la nostra nascita e la nostra morte. Quattro lavori per raccontare l’esistenza, come “gioco un tantino cieco dove appare un corpo e sparisce”. Quattro lavori, dunque, uno pittorico, uno scultoreo, una videoinstallazione […]

Continua a leggere... Gianluca Lombardo al Bocs con “Cecità”

del 23 ottobre 2010 (di )

Si è svolta ieri, dal pomeriggio fino a notte, la manifestazione indetta da Cgil Cisl e Uil contro mafia, per il lavoro e per

Continua a leggere... Notte bianca contro la mafia per il lavoro

Riceviamo dal coordinatore del Comitato Pendolari questa lettera aperta al governatore Lombardo, ai dirigenti e deputati regionali. Ci è sembrata interessante perchè non si limita ad esprime delle legittime e motivate richieste di intervento sulla situazione delle ferrovie siciliane, ma contiene anche

Continua a leggere... Lettera aperta del Comitato Pendolari alle autorità regionali

Vi proponiamo adesso “Contadini del mare”, altro documentario-verità del regista palermitano Vittorio de Seta, primo film maker totale. Stavolta De Seta filma il rito mortale, terribile, della pesca del tonno. Siamo nel 1955, nella tonnara di Granitola. Alle prime luci dell’alba i pescatori si avviano verso il largo dove attendono l’arrivo dei tonni preparando loro […]

Continua a leggere... “Contadini del mare”, la pesca del tonno di Vittorio De Seta

del 7 luglio 2010 (di )

L’avvocato Giuffrida, legale delle Orsoline, ci ha comunicato che lo sfratto della Doria è stato rinviato di dieci giorni per dare un ulteriore credito al comune di Catania, e per definire i nuovi accordi. Naturalmente non c’è nulla di formalmente scritto, ma solo parole. Ancora una volta, però, l’amministrazione catanese ha aspettato che si paventasse […]

Continua a leggere... Sfratto Doria: 10 giorni di rinvio

Dapprima furono i politici, Ciampi, Scalfaro, Maccanico, Scotti e Mancino, Martelli, Cirino Pomicino e Violante. E i magistrati Grasso e Lari. Adesso anche Pisanu, presidente della commissione antimafia ed esponente del Pdl, mette nero su bianco con una relazione di 35 pagine. Oggi, insomma, anche a non voler dar credito ai Ciancimino e agli Spatuzza, […]

Continua a leggere... Stragi, delitti e misteri di mafia, politica e affari

Il mondo perduto, così si intitola la raccolta di cortometraggi del regista palermitano Vittorio De Seta, che contiene alcuni dei più intensi brani della storia del documentario italiano. Una ricognizione di realtà e tradizioni millenarie che ancora sopravvivevano intatte nell’Italia rurale degli anni cinquanta, prima di essere spazzate via dalla brusca accelerazione che i mezzi […]

Continua a leggere... La “Parabola d’oro” di Vittorio De Seta