Panchine tinte di rosso nella giornata mondiale contro la violenza sulle donne, non solo a Catania ma in tutta Italia. E’ questo il gesto simbolico scelto per ricordare le vittime di femminicidio e di altre forme di violenza. Rosso come il sangue ma anche come il cuore che batte o come il filo della memoria. […]

Continua a leggere... Violenza contro le donne, non solo taxi e panchine rosse

Una presenza viva nel nostro territorio, sempre attenta a ricordare i valori della solidarietà e del rispetto dell’ambiente. Parliamo di Mani Tese, l’associazione della quale più volte Argo si è occupato, sia per l’impegno profuso nel quartiere di Monte Po sia per il mercatino dell’usato, attivo ormai da anni nella sede di Via Montenero 8. […]

Continua a leggere... Mani Tese, un mercatino dell’usato più ‘aperto’

del 25 ottobre 2016 (di )

Quando sentiamo parlare di notai ci vengono in mente tasse e balzelli non indifferenti. Consultarne uno a Catania, adesso, però, non costa nulla. Il notaio da burocrate freddo e lontano diventa un consulente, che, mettendosi dalla parte del cittadino, lo mette in guardia e lo allontana da

Continua a leggere... A Catania consulenza notarile gratuita

del 9 ottobre 2016 (di )

Non è la prima volta che riceviamo lamentale e riflessioni relative ai parcheggiatori abusivi che, nella nostra città, continuano a chiedere soldi per ‘custodire‘ le nostre auto. La lettera che pubblichiamo oggi racconta una esperienza ma soprattutto pone degli interrogativi in cui molti di noi possono riconoscersi. “Era sabato mattina, intorno alle 8.30, ho parcheggiato […]

Continua a leggere... Parcheggio abusivo e (in)coscienza civile

Piazza Stesicoro e la stazione, piazza della Repubblica, San Giovanni Li Cuti e soprattutto la Villa Bellini, con le sue panchine, il viale degli uomini illustri, dove molti incontri si svolgono sotto lo sguardo severo del naturalista Carlo Gemmelaro. C’è Catania in questo centinaio di pagine in cui Salvatore Scalisi racconta l’avventura di Fabio, un […]

Continua a leggere... Nelle mani di nessuno, la vita di Fabio homeless senza speranza

A chi non è capitato, tornando a casa la sera, di vedere dormire sotto un portico o su una panchina, dei senzatetto? Sono sempre più numerosi coloro che, anche nella nostra città, ricorrono a giacigli improvvisati. Non solo avere un alloggio, ma anche poter mangiare con regolarità, diventa sempre più difficile per le

Continua a leggere... Senza tetto né cibo, il Comune intervenga subito

del 28 luglio 2016 (di )

Cristian, nel 2006, in seguito a un incidente stradale, era stato in coma per un lungo periodo. Il ritorno alla vita di tutti i giorni era stato particolarmente complicato, molti, troppi, segni del trauma persistevano, in particolare, rispetto ai problemi di deambulazione. Per superarli, inizialmente la terapia prevedeva la

Continua a leggere... Cannabis, una terapia impossibile?

“Quando è nata mia figlia ero molto giovane, non ho vissuto la maternità come una “missione particolare” e lo stesso rapporto con mio marito non procedeva nel migliore dei modi. Eppure non ho potuto fare a meno, guardandola, di provare un sentimento profondo, particolare, che provo a

Continua a leggere... Maternità surrogata, se ne discute anche a Catania

Da 15 a 100 euro. Così è lievitato il prezzo di un posto su alcuni dei balconi che si affacciano sul percorso della festa di sant’Agata. Sarà stato un miracolo della patrona? Sicuramente ne godranno i proprietari della case che potranno contare su un introito aggiuntivo. Che fosse tradizione per chi possiede terrazze e balconi da […]

Continua a leggere... 100 euro, un balcone sulla festa di sant’Agata

Dal terrorismo con la dura appendice del carcere e dalla breve esperienza femminista, un lungo filo rosso l’ha condotta a quello che è adesso, a interessarsi di marginalità ma anche di riscatto, di sofferenza ma anche di forza, di voglia di reagire. Susanna Ronconi, ricercatrice del Forum droghe,  ha presentato nei giorni scorsi nella sede […]

Continua a leggere... Susanna Ronconi alla Lila: “Recluse” ma non vittime