Mons. Antonino Minissale, nato a Bronte il 7 maggio 1935, è entrato nel Seminario arcivescovile di Catania nel 1950 ed è stato ordinato presbitero il 15 dicembre 1957 a Roma dall’arcivescovo Luigi Traglia, vicegerente e poi cardinal vicario.
Ha studiato Esegesi biblica, in particolare dell’Antico Testamento, presso l’Università Gregoriana e il P. Istituto Biblico e a Gerusalemme (Università Ebraica), e quindi in Germania (Facoltà luterana di Teologia di Gottinga e di Heidelberg e di Teologia cattolica di Munster).
Ha preso più volte parte ad Oxford ad un corso d’aggiornamento biblico nel quale ha avuto modo di conoscere i più noti biblisti protestanti d’Inghilterra, soprattutto anglicani.
A Washington ha frequentato il Seminario nazionale metodista.

Prelato d’onore di Sua Santità dal 9 agosto 1995, ha insegnato esegesi, dal 1962, nel corso teologico del nostro Seminario e poi Antico Testamento e Lingua ebraica nello Studio “S. Paolo” (1970-2005) e nell’I.S.S.R. “S. Luca” (1987-2000).
Si è dedicato in particolare allo studio del libro del Siracide sul quale ha pubblicato:
“Il Siracide/Ecclesiastico”, Roma, 1980;
“Siracide. Le radici nella tradizione”, Brescia, 1988;
“La versione greca del Siradice. Confronto con il testo ebraico alla luce dell’attività midrascica e del metodo tergumico”, Roma, 1995, tesi dottorale discussa al P.I.B. nel 1992.
Ha pubblicato inoltre “All’origine dell’universo e dell’uomo (Genesi l-11). Interrogativi esistenziali dell’antico Israele” (Cinisello Balsamo 2002).
Ha curato traduzioni di opere esegetiche dal tedesco (Edd. Queriniana, Paoline, Jaca Book) e dall’ebraico moderno (Ed. Paideia).
A proposito della sua esperienza ecumenica, lo studioso afferma: «Ancor prima del Concilio Vaticano II sono state le esperienze ecumeniche degli inizi con le quali si è aperto nel mio spirito un cantiere che da allora è rimasto sempre aperto ed attivo soprattutto sul fronte ebraico-gerosolimitano e su quello tedesco-luterano, i due poli che hanno costituito il contesto permanente dei miei studi di Antico Testamento e che a poco a poco si sono caricati di una dimensione simbolica per il ricordo dell’Olocausto, del quale mi facevo idealmente carico studiando con uguale passione sia l’ebraico e sia il tedesco, che son diventate alternativamente la mia seconda lingua dopo l’italiano».
Il volume “Bibbia e dintorni” rappresenta una sintesi bio-bibliografica dell’insigne biblista e raccoglie alcuni dei suoi scritti più significativi: 34 articoli, pubblicati dal 1958 al 2006; 20 “Saggi esegetici” e 14 “Scritti d’occasione”.
La I sezione accoglie articoli scientifici di carattere esegetico-biblico su testi del Vecchio Testamento, soprattutto del libro del Siracide.
La II è riservata a varie tematiche: è possibile ripercorrere le strade della sua vita attraverso l’Italia, la Germania, gli USA, il Regno Unito, la Francia e Israele per conoscere i luoghi, gli eventi e la personalità che ne hanno segnato la formazione intellettuale e umana.
Scrive il sac. Dionisio Candido, docente di Antico Testamento presso il S. Paolo e l’I.S.S.R. “S. Metodio” di Siracusa, nella prefazione al volume di cui è curatore: «Lo spettro dei contributi scelti e delle fonti presso cui sono stati reperiti è ampio. Ma è proprio una tale disomogeneità, volutamente mantenuta, ad esprimere bene la poliedricità e la versatilità di Minissale, biblista puntuale ma capace di variare il proprio registro di scrittura in base alle necessità concrete. Anche per questa ragione, i singoli contributi sono stati mantenuti nella forma editoriale originale, come per recuperare concretamente le tappe significative dell’iter umano e intellettuale dell’autore». [A. B.]
(Articolo tratto da «Prospettive» settimanale regionale di attualità , n. 44, Catania 9 dicembre 2007)

torna alla homepage …..

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>