Per quale ragione i Comuni siciliani (e più in generale quelli meridionali), hanno gravi difficoltà, come afferma Diego Lana su A Sud’Europa del 6 settembre 2014, ad assolvere bene i loro compiti istituzionali? La causa sta solo nelle responsabilità “esterne”, il patto di stabilità, i tagli da parte delle varie leggi finanziarie nazionali, la crisi […]

Continua a leggere... Il fallimento della gestione autonoma dei Comuni

del 28 aprile 2011 (di )

Acqua dal rubinetto per lavarsi, acqua in bottiglia per bere. E quindi da comprare. E’ forse questo che si intende per privatizzazione dell’acqua? O ci sono altre implicazioni? Per chiarire i termini della questione e quindi capire meglio i due quesiti referendari che riguardano l’acqua, abbiamo trovato efficace l’intervento di Anna Bonforte all’assemblea organizzata il […]

Continua a leggere... Giù le mani dall’acqua pubblica

del 17 ottobre 2010 (di )

COMUNICATO STAMPA Martedì 19 ottobre il presidente del consiglio on. Berlusconi e molti ministri del governo parteciperanno all’assemblea nazionale dell’Unione delle Province Italiane che si terrà a Catania presso il centro fieristico Le Ciminiere. Il governo Berlusconi arriverà in una città travolta dagli scandali e dalle inchieste giudiziarie, in perenne crisi economica causata da decenni […]

Continua a leggere... Rifondazione su Berlusconi a Catania

del 16 dicembre 2009 (di )

Ha tutte le caratteristiche di un “buco nero“:  divora tutto ciò che entra nel suo raggio di azione e nulla ne riemerge. Attorno al “buco nero”  c’è una sfera buia definita “orizzonte degli eventi”, perchè  niente di quanto avviene al suo interno può venirne fuori. Anche la luce vi resta intrappolata, e quindi non è […]

Continua a leggere... Un astrofisico al Comune di Catania

del 14 dicembre 2009 (di )

Tratto da Giornale di Sicilia, edizione di Catania, martedì 24 novembre, pag 23 e 24, Antico Corso (Catania): affitti a peso d’oro grazie agli studenti universitari ma per i residenti vivere qui non è facile, di Rosa Maria Di Natale. Ripreso da Step 1 (La lenta agonia del’Antico Corso e Senza case e senza servizi […]

Continua a leggere... Antico Corso, nuovi problemi

del 7 dicembre 2009 (di )

Dal 5 dicembre 2009 è catanese a tutti gli effetti. E’ il mecenate Antonio Presti, al quale l’amministrazione comunale di Catania,  guidata dal sindaco Stancanelli, ha conferito la cittadinanza onoraria. La motivazione: “Con le sue iniziative legate al mondo dell’arte, Presti ha contribuito alla diffusione positiva dell’immagine della Sicilia anche fuori dal territorio nazionale. E’ […]

Continua a leggere... Presti adesso è catanese

del 19 settembre 2009 (di )

A poche settimane dall’allarme sicurezza a Librino lanciato dalla Periferica, un’altra aggressione ai mezzi pubblici. Gli autisti dell’Amt potrebbero sospendere il servizio urbano per Librino. Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti denunciano l’ultimo “assalto” a un mezzo dell’Amt nel quartiere catanese (il terzo in un mese) e la volontà degli autisti di non voler più […]

Continua a leggere... A colpi di pietre

del 6 agosto 2009 (di )

Riceviamo dalle federazioni catanesi di Rifondazione e Comunisti Italiani il seguente comunicato che denuncia l’ennesima inadempienza dell’amministrazione comunale Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani esprimono piena solidarietà ai giovani animatori che da oltre due anni sono in attesa delle spettanze per le attività di animazione svolte nel 2007 e nel 2008. I giovani animatori, che hanno […]

Continua a leggere... Rianimare gli animatori

del 8 aprile 2009 (di )

Se qualcuno temeva (o sperava) che qualcosa di significativo, o di innovativo, scaturisse dal Consiglio Comunale di ieri sera e, in modo particolare, dall’atteso discorso del sindaco Stancanelli, può tranquillizzarsi (o deprimersi). Nulla di nuovo è stato, non dico fatto, ma anche solo annunciato. Dopo le rinnovate e scontate dichiarazioni sulla propria coerenza, passione e […]

Continua a leggere... Molto rumore per nulla

del 20 marzo 2009 (di )

La mole dell’albergo, recentemente ultimato, incombe sulla strada, subito dopo la rotonda di piazza Borsellino (ex- piazza Alcalà). Non c’è nessun angolo verde, nessun marciapiede ampio che permetta allo sguardo di spaziare. Non è un caso che sia stato ribattezzato “ecomostro”. Lì una volta c’era il mulino S.Lucia. Il restauro avrebbe dovuto consentire, secondo quanto […]

Continua a leggere... Due morti e un sequestro