del 21 maggio 2018 (di )

Un attacco nucleare è oggi possibile, anzi è vicino come mai. Lo dice anche il Doomsday Clock, ma l’opinione pubblica, ormai assuefatta alla guerra, dopo le grandi mobilitazioni degli anni novanta, non si allarma. Sui rischi attuali, sulla nuova guerra fredda a cui stiamo andando incontro, sulla corsa agli armamenti nucleari in cui anche la […]

Continua a leggere... Polveriera nucleare

del 17 gennaio 2018 (di )

Schierarsi a favore del disarmo e contro l’autoritarismo, prendendo posizione su questioni politiche fondamentali. Lo riteneva necessario Albert Einstein, che credeva alla responsabilità sociale degli scienziati e che si

Continua a leggere... Fisica di pace, nei contenuti e nel metodo

Una ‘guerra mondiale a pezzetti’ alla quale assistiamo con vergognosa indifferenza, una carneficina spaventosa che insanguina oggi il mondo senza che il movimento per la pace opponga altro che un “quasi silenzio”. Sono sdegnate e impietose le parole di Alex Zanotelli, il missionario comboniano vissuto sempre insieme agli

Continua a leggere... Zanotelli, vergognoso il silenzio su spese militari e ‘guerra a pezzetti’

del 11 novembre 2016 (di )

Una scelta “eticamente censurabile e politicamente subalterna” di cui il nostro governo dovrebbe rendere conto all’opinione pubblica. Così don Pino Ruggieri, professore emerito di teologia, già rettore della chiesa di San Nicola e oggi di San Vito, definisce il voto contrario dell’Italia al progetto di Risoluzione presentato pochi giorni fa all’Assemblea generale delle Nazioni Unite […]

Continua a leggere... Bando delle armi nucleari, il NO italiano

del 14 marzo 2013 (di )

Il MUOS? Una questione di sovranità nazionale più che di salute pubblica o di difesa dell’ambiente. A dirlo, con naturalezza e decisione non è un esaltato anti-americanista, ma il generale Fabio Mini, che ha ricoperto importanti  incarichi militari in Italia e all’estero, compreso quello di capo di stato maggiore della NATO nel

Continua a leggere... MUOS, una questione di sovranità nazionale

del 3 aprile 2012 (di )

A 30 anni di distanza, nella data simbolica del 4 aprile  (la manifestazione dei ‘centomila’), molte associazioni, della società civile e di una parte del movimento sindacale, propongono, in nome dei valori della pace, di tornare a Comiso. Può essere un’importante occasione per riflettere su una straordinaria esperienza di confronto e partecipazione che, all’inizio dgli anni […]

Continua a leggere... A Comiso, trent’anni dopo

Abbiamo solo 24 ore per impedire che l’Italia diventi il magazzino delle armi atomiche europee. Questa notizia è stata diffusa dal team di Avaaz.org, che indica anche il sito su cui apporre la firma. Proprio noi, siciliani, catanesi in particolare, che viviamo a pochi chilometri dalla base militare di Sigonella, dovremmo

Continua a leggere... Arsenale nucleare europeo in Italia, firma contro