del 13 January 2014 (di )

Cosa si può fare dentro le mura di un carcere quando si ha la ‘fortuna’ di scontare la pena in una struttura che lascia spazio ad attività di tipo creativo? Molto più di quanto immaginate. In questo caso vi mostriamo il video dell’attività di pasticceria svolta in una cella all’interno della Casa Circondariale ‘Luigi Bodenza’ […]

Continua a leggere... Quei dolci dietro le sbarre

del 30 April 2013 (di )

“Una modica quantità di crimine” (ed. Colibrì), un libro del 2004, tradotto solo di recente in italiano, che tuttavia ci proietta non nel passato ma nel futuro, o forse nell’utopia di una società in cui i reati e il sistema penale siano ridotti al minimo. Lo ha scritto Nils Christie, un criminologo norvegese che lo […]

Continua a leggere... Nils Christie, squilibri sociali e crimini

del 19 January 2013 (di )

Indulto e amnistia? No grazie. Questa volta lo scrivono a chiare lettere non reazionari e forcaioli, ma tre illuminati direttori di carceri siciliane, che motivano il loro dissenso da Pannella (“pur rispettandone le battaglie”) nell’articolo Le nostre proposte per l’emergenza carceri pubblicato sul sito di Libertà e Giustizia, di cui sono

Continua a leggere... Emergenza carceri, le proposte dei direttori

del 26 October 2011 (di )

Fiori, spille, vasi, sciarpe: sono alcuni degli oggetti in feltro, molto colorati e invitanti, esposti in via Vecchio Bastione dal 14 al 16 ottobre, in occasione della mostra “La magia della lana: atelier dietro le sbarre”, realizzata da Filo Dritto, una cooperativa sociale nata da aManiLibere, l’associazione che da anni si occupa di

Continua a leggere... La magia della lana dietro le sbarre

Il suono delle stoviglie battute risuona nelle strade che circondano il carcere di piazza Lanza, si eleva in modo più o meno intenso in base al riverbero dei palazzi prospicienti su via Ala e su via Macchi. Per il resto non ci sono elementi che facciano percepire dall’esterno che qualcosa stia accadendo oltre le mura, […]

Continua a leggere... Sciopero della fame dentro e fuori il carcere di piazza Lanza

del 20 April 2010 (di )

Tutte le carceri siciliane scoppiano e a Catania la casa circondariale di piazza Lanza non fa certo eccezione. Anzi. A denunciare il sovraffollamento sono adesso i radicali di Catania. “Il carcere di piazza Lanza- dicono- è una bomba ad orologeria. E’ da irresponsabili fingere di non vedere che la situazione è sul punto di esplodere”. […]

Continua a leggere... Carcere di piazza Lanza, bomba ad orologeria