del 29 marzo 2015 (di )

Mentre attendiamo con curiosità l’apertura della ‘mostra su Picasso’, vogliamo ritornare su quella appena conclusa, ‘Artisti di Sicilia’, cogliendo l’occasione di un commento piuttosto critico che abbiamo ricevuto da un nostro qualificato lettore, Franco De Grazia, insegnante di Storia dell’arte. Per quanto entri, naturalmente, anche nel

Continua a leggere... Artisti di Sicilia, mostre senza qualità

del 17 marzo 2015 (di )

In una uggiosa e piovosa domenica di marzo entrare al castello Ursino di Catania, per visitare la personale di Antonio Santacroce, artista poliedrico siracusano, ti permette di lievitare e vibrare al cospetto delle sue opere pittoriche, grafiche e scultoree. L’occasione è la mostra dedicata alla Diva Agata, in seno alle feste agatine organizzate dal

Continua a leggere... Sognando Agata con Santacroce

del 12 marzo 2015 (di )

All’inizio molti catanesi sono andati solo per curiosità, perchè il curatore era Sgarbi; per vederlo da vicino. E per questo hanno atteso due lunghe ore, fino all’arrivo del critico d’arte, alle 13 anzichè alle 11. Questo per il taglio del nastro. Adesso “Artisti di Sicilia. Da Pirandello a Iudice”, sotto l’Alto patronato della Presidenza della […]

Continua a leggere... Artisti di Sicilia ma anche di Spagna

Nuovo circo lo chiamano, perchè è un circo senza megastrutture, senza animali e senza sfruttamento. E’ fatto da piccoli gruppi di giovani che vogliono esprimere liberamente la propria creatività e che cercano di coinvolgere gli altri nella loro allegra espressione corporea, a cui si preparano però con costanti allenamenti. Ne abbiamo avuto un saggio, dal […]

Continua a leggere... Ursino Buskers, dalla strada una finestra sul mondo

Chissà com’era Catania allora! Dove per allora è da intendersi il Medioevo, l’età intermedia tra l’antica e la moderna. Di medioevo e di Catania si è occupata Marina Mangiameli, studiosa di Storia medioevale e docente al Liceo Boggio Lera di Catania, con un saggio dal titolo “Catania medioevale“, recentemente pubblicato per i tipi Bonanno  con […]

Continua a leggere... Catania medioevale, quando la città guardava ad oriente

Un parco giochi delle bambine e dei bambini al Castello Ursino. La dodicesima festa proposta da La Città Felice, domenica 30 giugno, nella monumentale piazza catanese, non è stata solo un momento di confronto e dibattito, come efficacemente sintetizzato dallo slogan scelto quest’anno: ‘Ci IntrecciAMO alla Piazza’, ma ha sottolineato, anche e con forza, la […]

Continua a leggere... Una festa per un parco giochi al Castello Ursino

Avete una chitarra, un violino, qualche altro strumento inutilizzato da cui non riuscite a separarvi? Qualcuno vi propone di donarlo a un bambino che non avrebbe modo di acquistarlo ma lo desidera per poter suonare con altri suoi coetanei in una ‘piccola’ orchestra pensata a sua dimensione. L’invito a regalare uno strumento, anche ‘da studio’, […]

Continua a leggere... Musicainsieme, facciamo ri-suonare uno strumento dai bambini di Librino

del 24 giugno 2012 (di )

Nonostante l’amministrazione comunale, l’università, le associazioni ambientaliste, i cittadini concordino sul rifiuto del progetto RFI di raddoppio ferroviario (di cui Argo ha già parlato), sono molti gli interrogativi che restano ancora senza risposta. Le domande stesse sono state accantonate dal largo fronte unitario, che ieri ha espresso la propria volontà di opporsi alle

Continua a leggere... TreNO, troppe questioni aperte

del 8 febbraio 2012 (di )

Le siciliane non sono tantissime ma non sono da meno, non sfigurano certo tra le altre, tra le tante “che hanno fatto l’Italia”. A cominciare da Giuseppa Calcagno Bolognara, meglio nota come Peppa a cannunera. Parliamo della mostra “Le donne che hanno fatto L’Italia”, promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Comitato dei Garanti […]

Continua a leggere... Le siciliane che hanno fatto l’Italia

del 2 ottobre 2011 (di )

  Nel XVI secolo il Castello Ursino era utilizzato come prigione. Il restauro, curato dal prof. Guido Libertini negli anni ’30 del Novecento, mise in luce la presenza di un numero significativo di graffiti, testimonianza dei pensieri e delle proteste di parecchi reclusi. Come scrive Francesco Giuffrida: “il più antico, ad opera del prigioniero Gasparo […]

Continua a leggere... I graffiti del Castello Ursino