del 12 agosto 2016 (di )

Emergenza sbarchi?  NO, grazie! Da tempo ormai l’emergenza ha trovato radici, trasformandosi in problema quotidiano. Non sembra volersene fare una ragione, però, l’amministrazione pubblica italiana, che continua a gestire la questione migratoria in modo emergenziale sotto tutti gli aspetti, salute dei migranti compresa. Questo è quello che si evince in “Traumi ignorati“,  report di Medici Senza […]

Continua a leggere... Migranti, quei traumi ignorati della mente

del 8 luglio 2016 (di )

Hotspot, in italiano punto di crisi, e cioè, nel contesto dei flussi migratori verso l’Unione europea, punto di primissimo smistamento o anche zona di frontiera esterna dell’Unione europea. Dovrebbe essere, secondo la definizione della

Continua a leggere... #OpenEurope, un progetto anti Hotspot

In India, in Siria, nelle zone calde del mondo, ma non a Pozzallo. L’organizzazione umanitaria Medici senza frontiere, che cerca di assicurare il diritto alla cura in molti teatri di guerra e in situazioni di povertà e bisogno di tutto mondo, non garantirà più la

Continua a leggere... Hotspot Pozzallo, fuggono i medici senza frontiere

‘A Camaro siamo tutti africani’. Se Camaro fosse un villaggio della Nuova Guinea la frase sarebbe naturalmente ovvia, ma, trattandosi di un quartiere della periferia di Messina, queste parole scritte su un cartello meritano una spiegazione e una riflessione. Le proteste di Tor Sapienza, quartiere nella periferia romana, contro i centri di accoglienza per minori […]

Continua a leggere... Altro che Tor Sapienza, Messina sta con i bambini migranti

Ad un mese dall’Intesa del 10 luglio 2014 tra il Governo, le Regioni e gli Enti locali per fronteggiare il flusso straordinario di cittadini extracomunitari, il Presidente della Regione Sicilia ha legiferato (DPRS 600 del 13 agosto 2014) sugli standard strutturali e organizzativi per l’accoglienza in Sicilia dei minori stranieri non accompagnati. E’ certamente un passo […]

Continua a leggere... Minori migranti soli: così l’accoglienza in Sicilia

del 16 dicembre 2013 (di )

Quelli che non muoiono nel corso del viaggio arrivano pieni di speranze ma troppo spesso non trovano accoglienza, né ospitalità, tanto meno amore. La sorte dei migranti è quasi sempre la permanenza nei centri di accoglienza, carceri mascherate sulle quali guadagnano speculatori senza scrupoli. Una realtà ancora più dura quando riguarda i minori. È abbastanza […]

Continua a leggere... Minori migranti, ospiti o prede?

del 11 maggio 2009 (di )

Che i centri “di accoglienza” della nostra bellissima Lampedusa fossero disumani ce lo hanno detto in molti: osservatori, volontari e giornalisti (in primis Fabrizio Gatti, fintosi clandestino). Adesso, senza finzioni, si chiamano CIE (Centri di identificazione e di espulsione). Ma perché espellere, se possiamo evitare che approdino? Nessuno saprà se, tra coloro che volevano entrare, […]

Continua a leggere... Nessuno è innocente