del 27 dicembre 2015

Milano, Torino, Roma ma anche Sofia e Pechino. Lo smog minaccia la vita del globo, rende l’aria irrespirabile soprattutto in questi giorni in cui, complice l’alta pressione, le polveri sottili restano imprigionate negli strati più bassi dell’atmosfera. Le amministrazioni locali prendono misure soprattutto per contenere il

Continua a leggere... Smog, Catania come Pechino?

Non è un fenomeno isolato. L’inciviltà diffusa e la mancanza di costanti e capillari controlli generano, nel nostro territorio, la nascita di molte microdiscariche, che spesso rimangono non bonificate e talora crescono su se stesse, alimentate

Continua a leggere... Legambiente: Sequestrate la minidiscarica

Il metodo introdotto dal decreto Svitol-Italia – contro la crisi, semplificare e fare presto – sta cominciando a fare proseliti in certi ambienti politici che peraltro non hanno bisogno di prendere lezioni da Renzi. Così la nostra Assemblea regionale ha messo all’ordine del giorno un disegno di legge in materia urbanistica che alcune associazioni non […]

Continua a leggere... Rottamazione dei centri storici, noi diciamo No

del 16 ottobre 2014

Meglio perdere finanziamenti che utilizzarli per devastare il territorio. Sono preoccupati gli ambientalisti per quello che potrebbe avvenire sulla bellissima verde Timpa acese con la costruzione di una barriera sommersa a difesa di un tratto di costa nella zona di

Continua a leggere... Santa Tecla, aiutaci tu!

Prosciugamento dei pantani dei Gelsari e di Lentini con l’uso di pompe idrovore e conseguente distruzione di una zona umida di eccezionale valore naturalistico, sottoposta a tutela da parte della Regione Siciliana. Con questa accusa Legambiente Catania attacca ancora una volta il Consorzio di Bonifica 10 di Siracusa e dichiara di aver presentato un “dettagliato […]

Continua a leggere... Pantani, la lunga vertenza Legambiente/Consorzio

Uno studio condotto dai ricercatori del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania rileva un significativo arretramento della battigia in prossimità della foce del Simeto. Arretramento che, negli ultimi dieci anni è proseguito con maggiore intensità, tanto da essere quantificato in circa 200 metri. In questo quadro, se non cambierà nulla, proseguirà […]

Continua a leggere... Simeto, sparisce il litorale e con esso l’Oasi

  COMUNICATO STAMPA       Si è svolta oggi nel Parco di Librino l’iniziativa Puliamo il Mondo, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo gestito in Italia da Legambiente. Legambiente Catania ha organizzato l’iniziativa nella più vasta area verde situata a Librino sul viale San Teodoro, potenzialmente un importantissimo polmone verde per […]

Continua a leggere... Legambiente a Librino per ‘Puliamo il Mondo’ 2013

Ennesimo allarme di Legambiente Catania. Stavolta ad essere in pericolo è la costa del Comune di Aci Castello, a nord di Punta Aguzza. Gli interventi consistono nella posa di reti agganciate con chiodi sui basalti e avrebbero già ottenuto l’autorizzazione del Genio Civile di Catania e il nulla osta della Soprintendenza ai Beni Culturali ed […]

Continua a leggere... Lachea-Ciclopi, nuovo allarme Legambiente

  COMUNICATO STAMPA     Si è svolta “Spiagge e Fondali Puliti”, l’iniziativa di Legambiente per la pulizia e la tutela delle coste e del mare nella spiaggia antistante la riserva naturale “Fiume Fiumefreddo”. Salvaguardare le bellezze del nostro territorio da incuria e scelte irrazionali.   Si è svolta la tradizionale iniziativa di Legambiente “Spiagge […]

Continua a leggere... Legambiente, conclusa l’iniziativa “Spiagge e fondali puliti”

Dopo il tardo barocco del centro storico di Catania, la nostra provincia, probabilmente entro la prossima estate, sta per fregiarsi del riconoscimento di un altro ‘Patrimonio Mondiale’ dell’Unesco, questa volta riguardante l’intero complesso dell’Etna. Un riconoscimento che non fa altro che prendere atto della oggettiva unicità del nostro vulcano, per tutte le sue rilevanze ambientali, […]

Continua a leggere... L’Etna patrimonio dell’UNESCO. E poi?