del 26 luglio 2019 (di )

Per il quinto anno consecutivo, la piazza di San Giovanni Galermo dedicata alla memoria di Beppe Montana ha ospitato la tappa catanese di Cinemovel, il festival di cinema itinerante contro le mafie fondato da Ettore Scola in collaborazione con Luigi Ciotti, presidente di Libera. Gli stessi organizzatori della carovana sintetizzano così

Continua a leggere... Invisibili in piazza

del 31 gennaio 2015 (di )

In questo mese di gennaio Giambattista Scidà, già presidente del Tribunale per i minorenni di Catania, avrebbe compiuto 85 anni. Lo vogliamo ricordare pubblicando ampi stralci di una intervista esclusiva, rilasciata nel gennaio di 15 anni fa, per una ricerca del Censis su “Cultura dello sviluppo e cultura della legalità nel mezzogiorno”. Chi lo ha […]

Continua a leggere... Ricordando Scidà e gli uomini senza speranza

      COMUNICATO STAMPA           Libera Sicilia e il coordinamento provinciale di Catania esprimono tutto il loro sconcerto per le esequie religiose che si sono svolte lo scorso 2 luglio a Paternò per i funerali di Turi Leanza, boss ucciso nell’ambito di una guerra di mafia nel triangolo Biancavilla-Adrano-Paternò. Le […]

Continua a leggere... Funerali religiosi per un boss di Paternò. Libera, le diocesi siciliane seguano l’insegnamento di papa Francesco

COMUNICATO STAMPA     Addiopizzo Catania esprime vivo apprezzamento per la sempre efficace attività investigativa della Procura etnea che ha portato alla conferma, da parte del Tribunale del Riesame, del regime detentivo in carcere per il boss ergastolano Maurizio Zuccaro, il quale, fino a pochi mesi fa, era invece stato ritenuto incompatibile con il regime […]

Continua a leggere... AddioPizzo, apprezzamento per il lavoro della Procura etnea

del 26 luglio 2013 (di )

Più crisi uguale più furti, in tutta Italia ma non nelle regioni in cui la criminalità organizzata è più presente, tra cui la Sicilia, dove sarebbe operante una sorta di monopolio dell’attività illegale. Lo sostengono Guido de Blasio e Carlo Menon, due economisti della Banca d’Italia che hanno studiato la relazione tra

Continua a leggere... Più crisi, più furti ma non in Sicilia

Non sono pochi i libri sulla mafia scritti pensando ai lettori più giovani.  Vogliamo segnalarne qualcuno, di uscita più o meno recente, perché pensiamo che anche i più giovani abbiano diritto di essere informati su un fenomeno criminale che coinvolge anche loro. Tocca poi a noi “grandi” aiutarli a

Continua a leggere... A megghiu parola è chidda ca si rici: la mafia raccontata ai ragazzi

del 20 maggio 2012 (di )

Non ci sono parole per esprimere il dolore e lo sgomento di fronte alla morte di una ragazza, Melissa Bassi, uccisa dallo scoppio di un ordigno piazzato all’ingresso della sua scuola. L’Italia delle stragi impunite, della strategia della tensione, dei servizi segreti deviati propone, a Brindisi, l’ennesima pagina torbida e oscura. Mafia, destabilizzazione: non sappiamo […]

Continua a leggere... Anche Catania è Brindisi

del 31 gennaio 2012 (di )

Squilibri e danni per tutta la popolazione, sono le conseguenze della presenza mafiosa in un territorio. Che si tratti di imprenditori acquiescenti o resistenti o conniventi, una cosa è certa: il pizzo determina l’aumento dei prezzi a scapito di tutti i consumatori. Gli imprenditori acquiescenti perché pagano la tangente subendone il costo, i resistenti perché […]

Continua a leggere... Pizzo, uno spread siciliano

del 17 settembre 2011 (di )

La decisione del facente funzioni di Procuratore della Repubblica di Catania Patanè, e dell’aggiunto Zuccaro , di prosciogliere Raffaele Lombardo e il fratello Angelo dall’accusa di associazione mafiosa,vanifica un’inchiesta che, con ampia documentazione, ha prospettato l’intreccio indissolubile che lega borghesia mafiosa,ceti politici e criminalità organizzata. Si riconferma,ancora una volta, la convinzione che a Catania,diversamente che […]

Continua a leggere... O Lombardo o il bene comune

del 19 luglio 2011 (di )

  Mentre l’orchestrina suonava “Gelosia”, un piccolo pregiudicato veniva ucciso da un rivale in amore. L’educazione professionale di un cronista può cominciare così, con il racconto di un banale delitto d’onore in un articolo riscritto quasi del tutto, titolo compreso, dal direttore del giornale. L’orchestrina in realtà era una cassetta in un mangianastri, trasfigurata dalla […]

Continua a leggere... L’orchestrina che suonava Nostalgia