Una mobilitazione per la mobilità. Così i catanesi decidono di reagire alla recente politica comunale dei parcheggi notturni a pagamento (Argo ne ha già parlato) e di tutte le derive che ciò comporta. Quella dei posteggiatori abusivi temerari, innanzi tutto. Quelli che, a fine serata, sradicano le

Continua a leggere... Parcheggi notturni, stasera la mobilitazione in piazza Carlo Alberto

“Cosa possiamo regalare ai nostri cittadini per questo Natale?”, avranno pensato a Palazzo degli Elefanti. E così, di punto in bianco e senza nessun avviso (come ogni buon regalo di Natale che si rispetti), il Comune ha sfoggiato anche il suo parcheggiatore abusivo per le ore notturne: niente poco di meno che il sempreverde ‘Sostare’! […]

Continua a leggere... Il nuovo parcheggiatore ‘abusivo’ si chiama Sostare

PUA, parcheggi interrati, porto, varianti urbanistiche. Qui si gioca il futuro di Catania. Un futuro di cemento e speculazione se la cosiddetta società civile non si mobiliterà per impedire che i comitati d’affari oggi dominanti perseguano i loro interessi privati e mettano “Le mani sulla città”. Su questi temi e con questa prospettiva Catania Bene […]

Continua a leggere... “Le mani sulla città”, Catania si interroga sul proprio futuro urbanistico

4 livelli di parcheggio, due dei quali completamente interrati, uno per metà fuori terra e uno tutto fuori terra su metà della superficie totale (28.500 mq). Posti auto complessivi, 1.080, di cui 886 sotto terra. Più un Terminal Bus di 40 posti a raso. Così sarà il parcheggio di Piazza Sanzio, di cui oggi pubblichiamo […]

Continua a leggere... Parcheggio Sanzio, quattro livelli e due bugie

del 12 giugno 2014 (di )

In questi giorni gli archistar di casa nostra che hanno mirabilmente ridisegnato piazza Europa si affermano trionfalmente alla Biennale architettura di Venezia per il loro geniale progetto di smaterializzazione e rimaterializzazione dello spazio mediante il quale si scava un buco e lo si definisce piazza, sotto cui collocare un

Continua a leggere... Parcheggio Europa, la città irriconoscente

del 1 giugno 2014 (di )

Lungomare liberato. Da cosa? Da chi? Certamente dalle automobili, dal traffico, dallo smog. E l’amministrazione comunale ha detto di sì. In via sperimentale oggi, 1 giugno, pedoni, ciclisti, pattinatori, skater, potranno godersi il lungomare, passeggiare, correre, organizzare manifestazioni spontanee, fare musica, leggere poesie e prendere anche un gelato dimostrando ai commercianti dell’area che gli

Continua a leggere... Lungomare liberato, da cosa e da chi?

  COMUNICATO STAMPA   La sentenza del Tar http://www.giustizia-amministrativa.it/DocumentiGA/Catania/Sezione%204/2013/201301372/Provvedimenti/201400244_02.XML , che dà ragione alla ditta ricorrente per l’assegnazione dell’appalto sulla ristrutturazione dell’Area Parcheggio di Via Principessa di Piemonte comporta come conseguenza un  gravissimo danno finanziario alle casse municipali per diverse centinaia di migliaia di euro. Il Comune di Scordia dovrà infatti pagare 2 volte lo […]

Continua a leggere... Scordia Bene Comune, lo scempio illegale dell’area parcheggio

  COMUNICATO STAMPA     Si è svolta ieri alle ore 11,30, presso i locali del pub Nievski, in via Alessi n. 17 la conferenza stampa organizzata dalla federazione catanese di Sinistra Ecologia Libertà, sul tema:  lettera aperta di Sinistra Ecologia Libertà all’Assessore Luigi Bosco sul progetto parcheggi. All’iniziativa hanno partecipato il coordinatore provinciale Francesco […]

Continua a leggere... SEL al sindaco Bianco, annullare le gare per i parcheggi interrati

Prove tecniche di devastazione. Si moltiplicano le aggressioni al Lungomare catanese. Ad iniziare sono stati i lavori per il parcheggio di piazza Europa, seguiti a ruota da altri progetti, tutti distruttivi. Last but not least, quello per la creazione di un nuovo lido balneare con la cancellazione di

Continua a leggere... Lungomare di Catania, prove tecniche di devastazione

del 11 settembre 2010 (di )

Ogni scusa è buona per far pagare qualcosa al cittadino. Ultimamente sta dilagando la moda di far pagare il parcheggio anche all’interno delle aree ospedaliere. Ma se il parcheggio già esiste, essendo stato previsto quando si è costruito l’ospedale (con soldi pubblici), e non occorre alcun contributo economico per il suo funzionamento, perché l’Amministrazione sanitaria […]

Continua a leggere... Parcheggi in ospedale: altro balzello