Quelle piastrelle rettangolari in asfalto misto a cemento, che ancora oggi pavimentano molte strade e marciapiedi, hanno una lunga storia da raccontare. I giacimenti di pietra pece da cui si ricava appunto asfalto e bitume, conosciuti fin dall’antichità, si trovano in provincia di Ragusa, erano già utilizzati in età moderna per ricavarne materiale da

Continua a leggere... Storia e natura nelle cave di asfalto del ragusano

Si è spenta l’eco della grande mobilitazione e del battage pubblicitario che hanno accompagnato la firma della convenzione per la nascita del Distretto del Sud Est che dovrebbe sancire un’inedita aggregazione fra i territori delle province di Catania, Siracusa e Ragusa. Benedetta dal Presidente Napolitano, la liturgia è stata concelebrata dai

Continua a leggere... Distretto sud-est, auspicabili chiarezza e trasparenza

del 23 dicembre 2013 (di )

Con un primo incontro a cui erano stati invitati Comitati Pendolari e Sindacati, dopo anni di colpevole trascuratezza, pare che l’attuale assessore regionale alle infrastrutture e alla mobilità Bartolotta si sia finalmente deciso a

Continua a leggere... Trasporto ferroviario in Sicilia, eppur si move?

Ezio Donato lo presenta come una guida che serva non a trovare luoghi ma a perdersi nell’illusione del cinema. Nell’introduzione di Sergio Gelardi, presidente di Cinesicilia, viene descritto come un libro che ci “guida tra i segni e i sogni, di celluloide e non solo, che popolano la Sicilia cinematografica e la sua storia”. Insomma […]

Continua a leggere... La Sicilia è fotogenica, meglio, “cinegenica”

del 22 giugno 2010 (di )

Cominciamo con una buona notizia: Catania continuerà ad avere i suoi corsi di laurea in lingue. Il 14 giugno scorso il Senato accademico dell’Università di Catania ha approvato un accordo di transizione con il consorzio universitario ibleo, accogliendo, anche se solo in parte, le richieste di Ragusa. I termini dell’accordo ruotano intorno alla nascita del […]

Continua a leggere... Lingue: com’è finita?

Vincitore assoluto il comune di Salaparuta che, con il 60,67 per cento, ha raggiunto il top ten della raccolta differenziata. A seguire i comuni di Poggioreale (58,93%), Gibellina (58,21%), Aliminusa (52,42%), Santa Ninfa (50,81%), Casteltermini (37,25%), Isnello (35%), Scillato, Montemaggiore (33,65%) e Sciara (con il 33,29%). Per il riciclo nei capoluoghi di provincia, primo assoluto […]

Continua a leggere... “Comuni ricicloni”, la classifica siciliana