Scadenza, 13 settembre, due giorni fa. Ma nessuno si è presentato. Il bando di gara per la raccolta dei rifiuti della città di Catania è andato anche questa volta deserto. Lo si temeva, ci si augurava che

Continua a leggere... Rifiuti a Catania, deserta la gara all’ombra dell’Anticorruzione

Premiate circa 105 amministrazioni comunali che in Sicilia hanno raggiunto consistenti livelli di raccolta differenziata. La premiazione si è svolta qualche mese fa a Catania e ha riguardato 23 comuni che hanno superato il 65%, 51 comuni che oltrepassano la

Continua a leggere... L’altra faccia della differenziata, rifiuti abbandonati sulle strade intercomunali

Strade sporche, rifiuti abbandonati ovunque. Di chi è la responsabilità? Delle amministrazioni comunali o dei cittadini? Di entrambi, potremmo rispondere. E non sbaglieremmo. Ma sarebbe una constatazione scontata e sostanzialmente inutile. A cambiare subito qualcosa a partire da noi, dalle nostre abitudini quotidiane, ci invita Danilo

Continua a leggere... Danilo Pulvirenti: città pulite? ognuno faccia la propria parte

Disservizi nella zona Sud di Catania, e -a onor del vero- in molte altre parti della cittò, segnalati all’assessore del ramo e rimasti fino ad ora senza riscontro. A denunciarli una residente del Villaggio Sant’Agata, che ha scritto all’assessore D’Agata. Non avendo avuto risposta, l’ha reinviata dopo qualche giorno, sia al suo indirizzo personale sia […]

Continua a leggere... Dal Villaggio Sant’Agata una lettera per l’assessore

del 27 novembre 2016

E’ sabato sera ed è la notte dei musei, visitabili gratuitamente o a prezzi ridotti. Sono aperti fino a tardi anche i negozi. La via Etnea, piazza Duomo e altre strade del centro sono illuminate e affollate. L’altra Catania è a poche decine di metri. Rifiuti sparsi e maleodoranti costellano ancora – intorno alle ore […]

Continua a leggere... Notte dei musei, le due facce di Catania

Nella raccolta dei rifiuti è l’amministrazione comunale a “fare la differenza ma – ahimè – spesso non la differenziata”. Lo sostiene Giusy Pedalino, consigliera comunale di opposizione a San Gregorio di Catania che ci racconta la storia della raccolta differenziata nel suo paese. Partiamo dal 2011 quando, con la precedente amministrazione, ha inizio il servizio […]

Continua a leggere... Differenziata a San Gregorio, rischio flop

Spariscono i cassonetti per la raccolta dei rifiuti nel centro storico, in particolare nei pressi del Palazzo di Città. Non vedere contenitori indecenti fare bella mostra di sé, visto che il conferimento dei rifiuti era “indifferenziato” e i cassonetti (peraltro in pessime condizioni) stracolmi in tutte le ore della giornata, è sicuramente un passo avanti.

Continua a leggere... ‘Munnizza’ e Festa dell’Unità, quando la toppa è peggiore del buco

Cosa fare dei rifiuti prodotti nel corso di una scampagnata o durante un campeggio realizzato all’interno di un Parco naturale? Una testimonianza, raccontata oggi da Giusy Pedalino, presidente dell’associazione Orione, mette in evidenza alcuni dei problemi e delle carenze nella raccolta dei rifiuti, anche all’interno dei Parchi. Divertirsi in sicurezza e imparare il

Continua a leggere... Parchi naturali, e il rifiuto dove lo metto?

Neanche il tempo di votare, il 17 aprile saremo chiamati a pronunciarci sul tema delle “trivelle”, che già altri appuntamenti referendari si profilano all’orizzonte. Fra questi ultimi i cosiddetti “referendum sociali” su scuola, rifiuti e, nuovamente – con un altro tipo di quesito –  trivelle. A quasi un anno di distanza infatti, alcuni sindacati provano  […]

Continua a leggere... Scuola e ambiente, parte la raccolta firme per 6 nuovi referendum

Ci risiamo con i rifiuti, ed ancora una volta la Sicilia dimostra di essere il fanalino di coda di un’ Italia che comunque non brilla rispetto ai paesi dell’UE. Anziché promuovere ed attivare comportamenti virtuosi in merito alla raccolta differenziata ci si adegua – con varianti – al decreto Renzi, lo “sblocca Italia”, favorevole alla […]

Continua a leggere... Piccoli o grandi, gli inceneritori sono nocivi e superati: non li vogliamo