Riceviamo da alcuni docenti del Liceo Spedalieri un documento di protesta motivata nei confronti degli interventi del ministro Gelmini e dei tagli decisi dal ministro Tremonti. I firmatari hanno deciso di dire basta anche ricorrendo in futuro, come molti colleghi di altre scuole, al rifiuto di assumere ore aggiuntive rispetto all’orario contrattuale di 18 ore […]

Continua a leggere... Tagli Tremonti-Gelmini, ancora una protesta di docenti

del 25 ottobre 2010 (di )

Avevano iniziato i precari, a Catania, con l’occupazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale (l’ex Provveditorato agli Studi) a denunciare il furibondo attacco cui è stata ed è sottoposta la scuola pubblica italiana. Si sono poi aggiunti docenti e personale ATA (a tempo indeterminato) e, insieme, è stato costituito il Coordinamento in difesa della scuola pubblica statale perché, […]

Continua a leggere... PUBBLICAèBELLA

del 13 settembre 2010 (di )

Diverse migliaia di lavoratori, precari e a ‘tempo indeterminato’, domenica 12 settembre hanno simbolicamente unito le due sponde dello stretto in nome della

Continua a leggere... La scuola invade lo stretto

O il ponte, o la vita! Questa sembra essere la seria minaccia che Bluvia, braccio operativo di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) sullo Stretto di Messina, sta concretizzando a danno degli interessi dei siciliani Secondo i sindacati di categoria Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt, Orsa e Sasmant, i cui vertici hanno tenuto all’inizio di agosto una […]

Continua a leggere... Il ponte è una chimera, la dismissione dei traghetti è (quasi) realtà

del 9 agosto 2010 (di )

“Tutto va ben, madama la marchesa!” Incurante della grave crisi che sta mettendo a dura prova, in particolare, l’economia meridionale , il barone Partecipazio* continua a rivolgersi ai tantissimi signor Bonaventura* che lo stanno a sentire, beati e rincitrulliti dal sorriso stereotipato del loro ammaliatore, sicuri che alla fine diventeranno anche loro milionari. Ma, dietro le sue spalle, si […]

Continua a leggere... Crisi? Quale crisi?

del 25 giugno 2010 (di )

No, non parliamo di desaparecidos in America Latina, ma della condizioni di centinaia di migliaia di lavoratori della scuola (quelli a “tempo indeterminato”) che saranno costretti, dalla finanziaria proposta dal governo Berlusconi, a lavorare per tre anni, “in nero”. Tre anni durante i quali saranno bloccati progressione di carriera e aumenti stipendiali, con evidenti, e […]

Continua a leggere... Vite rubate

del 18 giugno 2010 (di )

Come in tutta Italia, anche a Catania lo sciopero degli scrutini, proposto dal movimento dei precari e da tanti coordinamenti indifesa della scuola pubblica e proclamato dai COBAS e da altri sindacati di base, ha ottenuto risultati significativi. Dai dati ancora parziali, e destinati a crescere, in possesso degli organizzatori, risulta che vi hanno partecipato […]

Continua a leggere... Chi si rivede: lo sciopero degli scrutini

LETTERA APERTA DI UN INSEGNANTE AL MINISTRO GELMINI Gentilissima on. avv. nonché titolare pro tempore del MIUR, senza mia responsabilità personale, sono un suo dipendente e sto per andare in pensione, non per mia scelta; mi era stata concessa, bontà vostra, la deroga di un anno per raggiungere l’ultimo scatto di stipendio e speravo anche […]

Continua a leggere... “…Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani.” …Meno male!

del 30 aprile 2010 (di )

Proseguono, dopo la notte bianca dello scorso 10 Aprile, le iniziative del Comitato Catanese in difesa della scuola pubblica statale. In una situazione di grande confusione, il governo ha modificato i quadri orari, ma non si sa se e quando verranno proposti i nuovi programmi. La conclusione di quest’anno scolastico e l’inizio del prossimo non […]

Continua a leggere... Scuola: idee e progetti dopo la notte bianca

Adda passà ‘a nuttata, si potrebbe dire parafrasando Edoardo. E visto che sulla scuola italiana si addensano nubi oscure, circa duecento docenti delle scuole catanesi (la maggior parte dei quali lavora nella secondaria superiore) hanno deciso di lanciare un motivato grido di allarme. Ricorrendo agli strumenti tipici del loro mestiere, semplicemente carta e penna si […]

Continua a leggere... Notte Bianca al Boggio Lera: chi taglia la scuola taglia il futuro