del 8 maggio 2014 (di )

Lager o albergo a cinque stelle. Sembrano non esserci posizioni intermedie nei giudizi sul Cara di Mineo. Certo, a dover proprio scegliere, saremmo portati a vederlo come un ghetto isolato, anche fisicamente, dal contesto. Non tutti sono, però, del nostro avviso. Non lo è Anna Aloisi, sindaca di Mineo e presidente del Consorzio ‘Calatino terra […]

Continua a leggere... Cara di Mineo, lager/albergo a 5 stelle

Brevi flash di immagini e spezzoni di storie. Così Giovanni Sciolto parla del CARA di Mineo nel suo blog, Il ghetto dei fenicotteri. Nessuna posizione ideologica, nessuna retorica. Ma è come entrare lì dentro anche noi e conoscere e capire chi ci vive, da mesi. Oltre i canti e i balli. Oltre i tamburi e […]

Continua a leggere... Storie, vite di uomini, all’ombra del Cara di Mineo

del 30 luglio 2011 (di )

Telegiornali e mezzi di informazione hanno dato grande risalto alla manifestazione di protesta del 27 luglio con la quale, ancora una volta, i migranti “ospitati” nel mega CARA di Mineo hanno denunciato la persistenza di condizioni di vita insostenibili nel cosiddetto villaggio della solidarietà.   Alle proteste, però, si continua a rispondere con la violenza […]

Continua a leggere... Chiudere il CARA di Mineo

Ironia della sorte. Proprio nella giornata del rifugiato i richiedenti asilo di Mineo hanno subito la carica di polizia e carabinieri. E’ la Rete antirazzista che ha denunciato gli incidenti avvenuti al termine della manifestazione di fronte al Residence degli aranci di Mineo. Dire che lo chiamano Villaggio della solidarietà. La solidarietà, questa volta sotto forma […]

Continua a leggere... Effetto Pontida, a Mineo la polizia carica i migranti

Comunicato Si sono concluse ieri sera le iniziative delle associazioni antirazziste catanesi per la giornata mondiale del rifugiato. Nel pomeriggio,a differenza degli altri 4 incontri interetnici, al nostro arrivo i migranti erano pochi mentre massiccia era la presenza di carabinieri di fronte all’ingresso del villaggio della “solidarietà”. In seguito alla diffusione del volantino tradotto in […]

Continua a leggere... Rete antirazzista su Mineo, peggiora la situazione dei richiedenti asilo

Riceviamo dalla Rete Antirazzista Catanese e volentieri pubblichiamo A Mineo i diritti dei migranti richiedenti asilo vengono sempre più calpestati e per questo motivo stanno manifestando. Da stamattina (lunedì 6 giugno) alcune centinaia di richiedenti asilo, buona parte di origine africana, hanno bloccato la statale Catania-Gela, di fronte al cosiddetto villaggio della “solidarietà”. Motivi della […]

Continua a leggere... Mineo, le interminabili attese dei richiedenti asilo

del 23 aprile 2011 (di )

Destinato, nel progetto di Maroni, ad ospitare i richiedenti asilo, é diventato un C.A.R.A. (Centro Accoglieza Richiedenti Asilo). Parliamo del Villaggio degli Aranci di Mineo, ribattezzato impropriamente anche Villaggio della solidarietà. La follia di spostarvi persone già accolte in altri CARA d’Italia, interrompendo un percorso di integrazione già iniziato, non è stata l’unica. Ne abbiamo […]

Continua a leggere... C.A.R.A. Mineo, chi non rispetta la legge?

Un volontario del Centro Astalli, su richiesta di un rifugiato amico, si è recato a Mineo. Ha fatto circolare una breve testimonianza di questa esperienza, che oggi pubblichiamo. Nulla viene detto sul “Villaggio della solidarietà”, in cui non è possibile entrare. Molte sono però le informazioni al contorno, a cominciare dalla conferma del fallimento del […]

Continua a leggere... Da Mineo verso l’Europa, la fuga continua

del 27 marzo 2011 (di )

Report da Mineo (27 marzo 2011) Si è da poche ore concluso il presidio di fronte al villaggio della “solidarietà” a Mineo indetto dai sindaci del calatino; i partecipanti erano circa 500 e la presenza degli antirazzisti è stata determinante nel fare naufragare l’irresponsabile tentativo di criminalizzare gli immigrati “irregolari” provenienti dalla Tunisia. Il grosso […]

Continua a leggere... Rete antirazzista su presidio a Mineo

Mineo, 19 marzo, sabato pomeriggio, un gruppo di stranieri giunge, a piedi, nella piazza principale della cittadina calatina e chiede, talvolta in inglese, spesso in un ‘improvvisato’ italiano, dov’è possibile trovare una cabina telefonica. Si tratta di un piccolo gruppo di richiedenti asilo che dal Residence degli aranci (il cosiddetto Villaggio della solidarietà dove sono […]

Continua a leggere... Rifugiati a Mineo, 10 km a piedi per telefonare