Il percorso su cui ci imbarchiamo dall’infanzia, di un’educazione che insegna violenza e rivendicazioni sulla terra, raggiunge l’apice all’età di 18 anni, con l’arruolamento nell’esercito. Ci viene ordinato di indossare l’uniforme militare macchiata di sangue e di preservare l’eredità della Nakba e dell’occupazione”.

Così scrivono alcuni diciottenni israeliani (Shministiyot) al ministro della Difesa e dell’Istruzione ed al capo del personale delle forze di difesa in una lettera aperta in cui spiegano il motivo per cui intendono rifiutarsi di prestare servizio nell’esercito israeliano.

E’ in crescita, in Israele, il numero di giovani che chiedono l’esenzione dal servizio militare per motivi di salute, anche psichica, per ragioni religiose o per motivi di coscienza. In questo caso, però, si esprime un consapevole rifiuto, lo si fa in modo collettivo e lo si motiva con un’analisi precisa.

Non è la prima volta che avviene. Altri giovani hanno pubblicato, in passato, lettere di rifiuto collettivo di prestare servizio nei territori occupati o, tout court, nell’esercito. Adesso si aggiunge anche il tema delicatissimo della Nakba, definita come ‘massacro, espulsione di famiglie e furto di terre‘.

I firmatari di questa lettera sanno che molti di loro dovranno scontare una pena detentiva in un carcere militare e certo non contano su un’ampia copertura mediatica perché, anche questa volta, si cercherà di mettere a tacere un’analisi e un rifiuto ‘pericolosi’.

Ecco il testo della lettera, che trovate in ligua inglese a questo link

Siamo un gruppo di diciottenni israeliani a un bivio. Lo stato israeliano chiede la nostra coscrizione nell’esercito. Si presume una forza di difesa che dovrebbe salvaguardare l’esistenza dello Stato di Israele. In realtà, l’obiettivo dell’esercito israeliano non è difendersi da forze armate ostili, ma esercitare il controllo su una popolazione civile.

In altre parole, la nostra coscrizione all’esercito israeliano ha un contesto politico e molte implicazioni. Ha implicazioni, in primo luogo, sulla vita del popolo palestinese che ha vissuto sotto l’occupazione violenta per 72 anni.

In effetti, la politica sionista di brutale violenza ed espulsione dei palestinesi dalle loro case e dalle loro terre è iniziata nel 1948 e da allora non si è più fermata. L’occupazione sta anche avvelenando la società israeliana: è violenta, militarista, oppressiva e sciovinista.

È nostro dovere opporci a questa realtà distruttiva unendo le nostre lotte e rifiutando di servire questi sistemi violenti, primo fra tutti quello militare. Il nostro rifiuto di arruolarci nell’esercito non significa voltare le spalle alla società israeliana. Al contrario, il nostro rifiuto è un’assunzione di responsabilità delle nostre azioni e delle loro ripercussioni.

L’esercito non è solo utile per l’occupazione, ma è l’occupazione. Piloti, unità di intelligence, impiegati amministrativi, soldati combattenti, stanno tutti mettendo in atto l’occupazione. Uno lo fa con una tastiera e l’altro con una mitragliatrice a un posto di blocco.

Nonostante ciò, siamo cresciuti all’ombra dell’ideale simbolico del soldato eroico. Gli abbiamo preparato cesti di cibo durante le festività, abbiamo visitato il carro armato in cui ha combattuto, abbiamo fatto finta di essere il soldato nei programmi preparatori alla leva militare al liceo e abbiamo venerato la sua morte nel giorno della commemorazione. Il fatto che siamo tutti abituati a questa realtà non la rende apolitica. L’arruolamento, non meno che il rifiuto, è un atto politico.

Siamo abituati a sentire che è legittimo criticare l’occupazione solo se abbiamo preso parte attiva nel farla rispettare. Come dire che per protestare contro la violenza sistemica e il razzismo, dobbiamo prima essere parte del sistema stesso di oppressione che stiamo criticando?

Il percorso su cui ci imbarchiamo dall’infanzia, di un’educazione che insegna violenza e rivendicazioni sulla terra, raggiunge l’apice all’età di 18 anni, con l’arruolamento nell’esercito. Ci viene ordinato di indossare l’uniforme militare macchiata di sangue e di preservare l’eredità della Nakba e dell’occupazione. La società israeliana è stata costruita su queste radici marce, ed è evidente in tutti gli aspetti della vita: nel razzismo, nell’odioso discorso politico, nella brutalità della polizia e altro ancora.

Questa oppressione militare va di pari passo con l’oppressione economica. Mentre i cittadini dei territori palestinesi occupati sono impoveriti, le élite ricche diventano più ricche a loro spese. I lavoratori palestinesi vengono sistematicamente sfruttati e l’industria delle armi utilizza i Territori palestinesi occupati come banco di prova e come vetrina per sostenere le sue vendite.

Quando il governo sceglie di sostenere l’occupazione, agisce contro il nostro interesse di cittadini: grandi porzioni di denaro dei contribuenti stanno finanziando l’industria della “sicurezza” e lo sviluppo di insediamenti invece di welfare, istruzione e salute.

L’esercito è un’istituzione violenta, corrotta e corruttrice fino al midollo. Ma il suo peggior crimine è imporre la politica distruttiva dell’occupazione della Palestina. I giovani della nostra età sono tenuti a prendere parte a far rispettare le chiusure come mezzo di “punizione collettiva”, arrestare e incarcerare minori, ricattare per reclutare “collaboratori” e altro ancora – tutti questi sono crimini di guerra che vengono eseguiti e insabbiati ogni giorno.

Il governo militare violento nei Territori palestinesi occupati è applicato attraverso politiche di apartheid che comportano due diversi sistemi legali: uno per i palestinesi e l’altro per gli ebrei. I palestinesi sono costantemente messi a confronto con misure antidemocratiche e violente, mentre i coloni ebrei che commettono crimini violenti – in primo luogo contro i palestinesi ma anche contro i soldati – sono “ricompensati” dai militari israeliani che chiudono un occhio e nascondono queste trasgressioni.

I militari impongono l’assedio a Gaza da oltre dieci anni. Questo assedio ha creato una massiccia crisi umanitaria nella Striscia di Gaza ed è uno dei principali fattori che perpetua il ciclo di violenza di Israele e Hamas. A causa dell’assedio, a Gaza non c’è acqua potabile né elettricità per la maggior parte delle ore della giornata. La disoccupazione e la povertà sono pervasive e il sistema sanitario è privo dei mezzi più basilari. Questa realtà è la base sulla quale è intervenuto il disastro del COVID-19 che ha peggiorato le cose a Gaza.

È importante sottolineare che queste ingiustizie non sono un evento occasionale o un allontanamento dalla via maestra. Queste ingiustizie non sono un errore o un sintomo, sono la politica e la malattia. Le azioni delle forze armate israeliane nel 2020 non sono altro che una continuazione e il sostegno dell’eredità del massacro, dell’espulsione di famiglie e del furto di terre, l’eredità che ha “consentito” l’istituzione dello Stato di Israele, come un vero stato democratico, per Solo ebrei.

Storicamente, l’esercito è stato visto come uno strumento al servizio della politica del “crogiolo”, come un’istituzione che intreccia le divisioni di classe sociale e di genere presenti nella società israeliana. In realtà, questo non potrebbe essere più lontano dalla verità. L’esercito sta attuando un chiaro programma di “canalizzazione”; i soldati della classe medio-alta sono incanalati in posizioni con prospettive economiche e civili, mentre i soldati provenienti da contesti socioeconomici inferiori sono incanalati in posizioni ad alto rischio mentale e fisico e che non forniscono lo stesso vantaggio nella società civile.

Allo stesso tempo, la rappresentanza femminile in posizioni violente come piloti, comandanti di carri armati, soldati di combattimento e ufficiali dell’intelligence, viene pubblicizzata come un’impresa femminista. Che senso ha che la lotta contro la disuguaglianza di genere sia raggiunta attraverso l’oppressione delle donne palestinesi? Questi “risultati” eludono la solidarietà con la lotta delle donne palestinesi. I militari stanno cementando questi rapporti di potere e l’oppressione delle comunità emarginate attraverso una cinica cooptazione delle loro lotte.

Chiediamo ai senior delle scuole superiori (shministiyot) della nostra età di porsi una domanda: cosa e chi stiamo servendo quando ci arruoliamo nell’esercito? Perché ci arruoliamo? Quale realtà costruiamo servendo nell’esercito dell’occupazione? Vogliamo la pace e la vera pace richiede giustizia. La giustizia richiede il riconoscimento delle ingiustizie storiche e presenti e della continua Nakba. La giustizia richiede riforme sotto forma di fine dell’occupazione, fine dell’assedio di Gaza e riconoscimento del diritto al ritorno per i profughi palestinesi. La giustizia richiede solidarietà, lotta congiunta e rifiuto.


Be Sociable, Share!

Tags: ,


Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>