‘Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha rinominato Ruggero Razza assessore regionale della Salute. L’assessore si era dimesso dall’incarico nel marzo scorso perchè indagato nell’ambito di una inchiesta su presunti dati legati ai casi covid falsati’. Così l’agenzia Ansa del 2 giugno.

A voler essere maliziosi (lo sappiamo non va bene, ma spesso si indovina) si potrebbe pensare che le dimissioni date a suo tempo fossero solo un modo per mettere a tacere lo scandalo in attesa di tempi migliori. Che ora, a giudizio di Musumeci e Razza, sono evidentemente arrivati.

Secondo Musumeci, infatti, ‘le indagini giudiziarie e le responsabilità politiche devono essere separate, nel pieno rispetto per il lavoro della magistratura’. Proviamo a tradurre: le indagini possono andare avanti, la politica può fare finta di nulla.

Noi pensiamo esattamente l’opposto e avevamo apprezzato le dimissioni di Razza, peccato che non fossero nè sincere, nè vere. Diversamente dal sentimento comune di un’intera nazione, colpita dalla pandemia e dalla pessima gestione della stessa. Per questo ci riconosciamo nelle parole di questa nostra lettrice.

Un uomo delle istituzioni che, durante l’emergenza Covid, parla di “spalmare i morti”, mostra la sua vera natura di sciacallo.

Tanto sono solo numeri”! Evidentemente l’assessore Razza non è stato personalmente sfiorato da quei numeri dietro i quali c’erano persone, sia quelle che morivano sia quelle che restavano a piangerli.

Sono stufa di sentire dire che poi sarà la magistratura a sentenziare, mentre il solito Musumeci commenta “E’ solo indagato” e lo premia rimettendolo allo stesso posto! Scusate ma io non posso tacere la mia rabbia e il mio disappunto nei confronti di un tale personaggio.

Di mia sorella, morta anche a causa del Covid, alla famiglia è stato restituita solo la fede e la tessera sanitaria mentre i suoi vestiti sono stati inceneriti. E non l’abbiamo più vista! Questo per fare un esempio di come quei numeri se ne sono andati, signor Razza !!

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


One Response to “Razza, un ritorno di cui avremmo fatto a meno”

  1. si prova solo pena a vedere le immagini dei due compari ” il gatto e la volpe” alle prese con la gestione del potere. Si ride poi se si pensa al logo scelto per il partito di governo: ” DIVENTERA’ BELLISSIMA” ed è diventata bruttissima e spregevole anche per le sfacciate operazioni speculative di governo condotte da Musumeci e condivise dal modesto Razza. Sembrano Don Chisciotte e Sancio Panza. Adesso poi il Commissario catanese Zuccarello gli ha rotto le uova nel paniere. Povero Musumeci e poveri noi.

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>