L’area dei paesaggi incontaminati, la parte più naturale e più selvaggia del Parco naturale dell’Etna, quella in cui si rifugia la fauna più pregiata e dove è ancora possibile apprezzare il silenzio o il richiamo di tante specie presenti: è l’area interessata al provvedimento di accesso dei veicoli firmato nel mese di settembre dal direttore del Parco.

Siamo sul versante ovest dell’Etna ed il provvedimento interessa i Comuni di Bronte e Maletto, con i sindaci, Firrarello e De Luca, soddisfatti di poter rendere fruibili ai turisti luoghi che andrebbero salvaguardati autorizzando unicamente un turismo rispettoso dell’ambiente e della biodiversità.

Alcune associazioni ambientaliste, dalla Lipu, al WWF a Italia Nostra al Cai e altre, avevano già chiesto alla Regione, nello stesso mese di settembre, di non rendere esecutivo il provvedimento, ritenuto in contrasto con il regolamento del Parco e con i motivi che hanno portato alla sua istituzione.

Alla loro voce si era aggiunta quella dell’associazione Etna Viva che aveva chieso al presidente dell’Ente Parco una revisione dell’accordo con i comuni interessati e la costituzione di “un tavolo tecnico-scientifico con le associazioni di rilievo locale, regionale e nazionale per una effettiva valutazione dell’impatto ambientale di quanto progettato”

Davanti al silenzio delle Istituzioni, trincerate dietro dichiarazioni rassicuranti che escludono i danni all’ambiente naturale provocati dall’impatto dei mezzi motorizzati sull’area interessata al provvedimento, WWF Sicilia Nord-Orientale, Lipu, CAI regionale, Ente Fauna Siciliana, Federescursionismo, Assoguide, Lagap, hanno presentato ricorso al TAR di Catania, per il tramite dell’avv. Alessandro Arcifa, chiedendo l’annullamento dell’autorizzazione

Ecco il Comunicato delle Assocazioni

Le Associazioni WWF Sicilia Nord-Orientale, Lipu, CAI regionale, Ente Fauna Siciliana, Federescursionismo, Assoguide, Lagap, hanno presentato ricorso al TAR di Catania per il tramite dell’avv. Alessandro Arcifa, per l’annullamento dell’autorizzazione n. 324/21 dell’Ente Parco concessa ai Comuni di Bronte e di Maletto per l’ingresso, a fini turistici, di pullman in Zona A di Parco dell’Etna.

Secondo le Associazioni è chiaro il divieto contenuto nel Decreto Istitutivo del Parco naturale dell’Etna che vieta l’ingresso di mezzi motorizzati in Zona A di Parco se non per servizio e sorveglianza vulcanica.

Le Associazioni difendono l’ultima area di parco naturale non assalita dal consumismo e dalla fruizione sfrenata che è infatti l’area ovest del parco dell’Etna, la parte più naturale e più selvaggia del Parco naturale, dove si è rifugiata la fauna più pregiata del parco, dove non esistono edifici, dove va chi apprezza il silenzio e la tranquillità dei luoghi, o semplicemente il richiamo delle tante specie di uccelli presenti. È l’area dei paesaggi incontaminati, dove il Parco naturale raggiunge i massimi valori.

Eppure secondo l’Ente Parco dell’Etna, quell’area non presenta “alcuna fragilità” tanto che con l’autorizzazione impugnata consentirebbe l’ingresso di mezzi motorizzati, pulmini, 3 turni per 6 passaggi al giorno per 120 persone lungo il percorso autorizzato di ben 25 km di cui 24 in Zona A, nell’area cioè di riserva, di massima tutela, da Piano dei Grilli in territorio di Bronte fino al rifugio della Galvarina e poi lungo la Pista Altomontana fino al Rifugio di Monte la Nave in territorio di Maletto, percorrendo piste e sentieri montani con pendenze di oltre il 10%, con rumore dei mezzi fuoristrada utilizzati, dovuto al rotolamento degli pneumatici, e col vociare delle persone durante le soste.

L’Ente Parco ritiene che questo carico antropico, aggiunto alle attuali presenze (che l’Ente non sa quantizzare), non incrementa il disturbo ed è compatibile con il mantenimento e la tutela dell’ambiente attraversato. Invece di dosare il carico antropico in modo da non disturbare/alterare i delicati equilibri biologici presenti, lo aumenta.

Mentre altri Parchi, fra cui quello dei Nebrodi, per fare l’esempio di un parco “vicino” a noi o del Parco D’Abruzzo mettono il divieto di accesso pedonale nelle aree più delicate per la fauna in determinati periodi dell’anno, il Parco dell’Etna ne aumenta la fruizione con mezzi motorizzati.

Con una interpretazione creativa della legislazione nazionale e comunitaria che invece tutela gli habitat e le specie a rischio di estinzione, l’Ente consente una fruizione aperta tutti, senza alcun rispetto dei valori ambientali.

Quasi una involuzione culturale, un tornare indietro di almeno 40 anni sul valore e l’importanza dei Parchi, degli habitat , delle specie con problemi di conservazione.

Sappiamo che altri Comuni si stanno attrezzando per fare altrettanto: si dovranno mettere i semafori per gestire il traffico motorizzato in Zona A di Parco? Cosa resterà del Parco se non riuscissimo a bloccare questa insensata, e riteniamo illegittima, autorizzazione?

Le Associazioni avevano chiesto all’Ente Parco il ritiro in autotutela del provvedimento, senza tuttavia ottenerlo; per questo si sono rivolte al TAR tramite l’avv. Arcifa, temendo un danno grave ed irreversibile all’ambiente naturale e alla fauna a seguito della esecuzione dell’autorizzazione.

Giuseppe Rannisi – Lipu Catania

Be Sociable, Share!

Tags: , ,


One Response to “Assalto all’Etna, le associazioni si rivolgono al TAR”

  1. Buongiorno, io mi auguro che il ricorso abbia esito favorevole per noi che amiamo la natura. Ho letto nel vostro articolo che il parco dei nebrodi invece ha delle misure restrittive. A me non risulta. La zona di Maniace, obelisco di Nelson (provincia di Ct) e lago maulazzo e biviere sono infestate da ogni tipo di mezzo motorizzato che fa scempio ambientale in tutti i periodi dell’anno.
    Spero che si faccia qualcosa di concreto per tutti i parchi della Sicilia.
    Grazie

Lascia un commento

Puoi usare questi tag HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>