“Il percorso su cui ci imbarchiamo dall’infanzia, di un’educazione che insegna violenza e rivendicazioni sulla terra, raggiunge l’apice all’età di 18 anni, con l’arruolamento nell’esercito. Ci viene ordinato di indossare l’uniforme militare macchiata di sangue e di preservare l’eredità della

Continua a leggere... Not in my name, giovani israeliani contro la Nakba

del 5 September 2020 (di )

E’ confortante – nell’attuale periodo di isolamento delle menti oltreché dei corpi – osservare come siano ancora in tanti, anche nella nostra città, a sentire l’esigenza di ricevere aggiornamenti ed appoggiare le lotte dei popoli oppressi. E’ quanto accaduto giovedì 3 settembre al Bastione degli Infetti all’incontro sulla

Continua a leggere... Si chiama Palestina

Una manifestazione nazionale a Roma e varie iniziative in altre città anche siciliane, per richiamare l’attenzione sulla gravità di ciò che sta accadendo in Palestina, dove – il prossimo 1 luglio – il governo presenterà alla Knesset una legge che prevede l’annessione del 30% della Cisgiordania allo Stato d’Israele. Molte associazioni hanno partecipato al sit-in […]

Continua a leggere... Palestina, perchè non si può tacere sull’annessione della Cisgiordania

Si è laureato alla facoltà di medicina di Catania per poi tornare nel suo paese, dove ha contribuito a fondare e dirige il Centro Medico Al Saqada a Betlemme, nei territori occupati palestinesi. Un Centro attivo da quasi venti anni, in cui operano una ventina di medici, offrendo servizi sanitari a prezzi molto bassi, o […]

Continua a leggere... Vivere in Palestina ai tempi del virus

“L’accordo del secolo” è stato annunciato pochi giorni fa da Donald Trump, presidente degli Stati Uniti. Dovrebbe mettere fine all’interminabile contenzioso israelo-palestinese, ma appare piuttosto il frutto della peggiore ipocrisia della

Continua a leggere... Donald Trump, nessun diritto per la Palestina

La sempre più complessa situazione mediorientale, nella quale si intrecciano vecchie responsabilità colonialiste europee, arroganza statunitense, ruoli e comportamenti ambigui dei

Continua a leggere... …e intanto la Palestina continua a soffrire

A cosa serve un festival del cinema e perché il numero dei festival aumenta sempre di più in un’epoca di consumo culturale sempre più distratto? Nella maggior parte dei casi, serve a promuovere opere che

Continua a leggere... Nazra, un festival per scuotere le nostre coscienze

Duemila e duecento copertoni usati, appoggiati uno sull’altro, sfalsati come si fa con i mattoni, riempiti con terra pressata e infine intonacati. E’ questo il materiale utilizzato per la ‘Scuola di Gomme‘ del villaggio di Al-Khan Al-Ahmar, vicino a Gerusalemme est, nell’area C della Cisgiordania, quella a

Continua a leggere... Giù le mani dalla Scuola di Gomme

Una lingua di terra separata dal resto degli altri territori palestinesi, diversa e lontana rispetto alla Cisgiordania, che fa parte della regione storico-geografica della Palestina. La Striscia di Gaza, conquistata da Israele con la guerra dei sei giorni, nel 1967, passò dal controllo dell’Egitto a quello di Israele, che l’ha occupata fino al

Continua a leggere... Gaza, una prigione a cielo aperto

Il diritto all’autederminazione e l’ingiusto regime di detenzione amministrativa sono oggetto del nostro terzo intervento sulle violazioni dei diritti fondamentali dei Palestinesi. Dai dati molto concreti su questioni vitali come il diritto all’acqua e ai servizi essenziali  passiamo oggi all

Continua a leggere... Il sistema giuridico discriminatorio di Israele, i diritti fondamentali