“Il percorso su cui ci imbarchiamo dall’infanzia, di un’educazione che insegna violenza e rivendicazioni sulla terra, raggiunge l’apice all’età di 18 anni, con l’arruolamento nell’esercito. Ci viene ordinato di indossare l’uniforme militare macchiata di sangue e di preservare l’eredità della

Continua a leggere... Not in my name, giovani israeliani contro la Nakba

del 27 February 2021 (di )

Tutti nella neve, uomini donne, bambini, anche neonati, nel tentativo di sopravvivere e, appena possibile, attraversare il confine tra Bosnia e Croazia, perché entrare in Croazia significa entrare in Europa. La frontiera con l’Unione Europea è la meta, riuscire ad

Continua a leggere... Balcani, la rotta del disonore

Lo chiamiamo deserto del Sahara, ma è come se dicessimo Deserto del Deserto, perché in arabo Sahara sta per deserto. Come denominare allora quei 270mila km quadrati che ospitano mezzo milione di abitanti? Si pone la domanda, e ce ne spiega la complessità Mustafa Abdelkarim, giornalista sudanese di 28 anni che

Continua a leggere... I Sud del mondo. Il Fronte Polisario e la muraglia marocchina

del 7 November 2020 (di )

Oltre 40mila piccoli schiavi già a 6-7 anni si calano nelle gallerie della provincia di Lualaba, in Congo, per scavare a mani nude il cobalto che serve per le nostre batterie, quelle piccole dei nostri smartphone e quelle molto più grandi delle auto elettriche e ibride. Per una batteria di

Continua a leggere... I Sud del mondo. Il cobalto e i bambini

del 29 September 2020 (di )

Come si vive in un paese in guerra senza arrendersi alla distruzione, alla fame, alla mancanza di libertà? Ce lo racconta Laura Silvia Battaglia nel suo documentario “Yemen, nonostante la guerra”, che dà spazio all’eccezionalità del quotidiano e ci fa riconoscere la pienezza di umanità che

Continua a leggere... Yemen, l’eccezionalità del quotidiano

del 5 September 2020 (di )

E’ confortante – nell’attuale periodo di isolamento delle menti oltreché dei corpi – osservare come siano ancora in tanti, anche nella nostra città, a sentire l’esigenza di ricevere aggiornamenti ed appoggiare le lotte dei popoli oppressi. E’ quanto accaduto giovedì 3 settembre al Bastione degli Infetti all’incontro sulla

Continua a leggere... Si chiama Palestina

Ascoltiamo oggi la voce di Marina che ci parla di un progetto umanitario che sta potenziando, con macchinari e attrezzature sanitarie, alcuni ospedali di Damasco e di Aleppo. Siria martoriata. Non c’è chi possa trovare esagerato definire

Continua a leggere... I Sud del mondo. ‘Ospedali aperti in Siria’.

del 21 July 2020 (di )

Amici di Argo che vivono ed operano in vari Paesi del mondo ci fanno arrivare in questi giorni il loro grido di allarme per quello che sta accadendo attorno a loro, dove la diffusione dell’epidemia di Covid sta aggravando e rendendo più palese la situazione drammatica dei

Continua a leggere... I Sud del mondo. La pandemia di Bolsonaro

Una manifestazione nazionale a Roma e varie iniziative in altre città anche siciliane, per richiamare l’attenzione sulla gravità di ciò che sta accadendo in Palestina, dove – il prossimo 1 luglio – il governo presenterà alla Knesset una legge che prevede l’annessione del 30% della Cisgiordania allo Stato d’Israele. Molte associazioni hanno partecipato al sit-in […]

Continua a leggere... Palestina, perchè non si può tacere sull’annessione della Cisgiordania

Si è laureato alla facoltà di medicina di Catania per poi tornare nel suo paese, dove ha contribuito a fondare e dirige il Centro Medico Al Saqada a Betlemme, nei territori occupati palestinesi. Un Centro attivo da quasi venti anni, in cui operano una ventina di medici, offrendo servizi sanitari a prezzi molto bassi, o […]

Continua a leggere... Vivere in Palestina ai tempi del virus